Archivio

Posts Tagged ‘WM’

La musica è stanca

By WM

14064069_1768307486720984_5947105589354726318_n

Dinosauri Onesti (TM) per la musica di una volta

Rifiuto, ora e forse prima no, di ragionare secondo le categorie di bello e brutto, conscio di come siano valori storici e cangianti: in musica meno che mai.

Eppure ieri il pensiero che “la musica di oggi fa schifo” serpeggiava fra un attraversamento pedonale e una deiezione canina da raccogliere. Per la cronaca, avevo i Nirvana i cuffia e il fresco lutto per la morte di Chris Cornell ancora stampato negli occhi, morte che a leggere in giro ha fatto danni a valanga. La catastrofe della Generazione X non mi colpisce, non ne facevo parte e non sono orfano del grunge, mi mancavano le camicie di flanella e al concerto dei Pearl Jam ci sono andato a ondata ormai finita (il tour del mediocre “No Code”, sarà stato il ’96), ma la morte di un artista ci rende più poveri e impone una qualche riflessione. La riflessione, frutto di questo sublime intreccio di sentimenti e pensieri è stata: “la musica di oggi fa schifo”.

5o54cu

WM feat Maccio Capatonda

Geniale, no? Non l’ha mai pensato nessuno. Datemi il premio Nobbile!

E invece no. La riflessione non è una vana invettiva al contemporaneo, va oltre il senso sveviano di senilità che spegne gli ardori di chi era nato incendiario ed è destinato a fare il pompiere. La fine storica e biografica del grunge (sento Eddie Vedder toccare ferro n.d.A.) ci impone di storicizzare e ripensare, e qualcuno ci è riuscito con buoni esiti.

Quel che un ascoltatore come me può fare non può sconfinare nella critica, non può che esplorare il teatro delle sensazioni alla ricerca degli idola, delle apparenze fallaci dei propri ricordi scombinati.

Ribadiamo il già detto: il pop nostrano ci pare in netto declino perché non è più musica popolare.

Parentesi: nemmeno la musica popolare è tale (e in tante puntate di Gommalacca mi sono sforzato di evidenziare come la folk music sia ormai music senza folk, mancando di popolo). Pubblicità progresso: ora metto le puntate in archivio così se vi volete male, ve le ascoltate.

La musica popolare intesa come pop music non esprime una visione articolata e condivisa della vita, perché né i parolieri né i musicisti sembrano figli della contemporaneità: le canzoni di oggi non raccontano le storia, la povertà, le pulsioni odierne, ma si riducono perlopiù a masticare un repertorio di frasi e concetti chiari e distinti, senza alcuna concessione ai territori inesplorati: cuore-amore e forme scintillanti, qualche vezzo di ironia postmoderna e citazionismo ammiccante (i barbari usano il passato come insieme di rovine da cui trarre elementi tra loro sconnessi e incoerenti, ma comunque che sanno di antico).

Il gioco è facile: basta che il tutto somigli al già sentito di cinque minuti prima, basta adeguarsi al talent del momento, che ora ci vuole più soul, ora più synth, ora più rock, di un rock de noantri senza sangue e ribellione.
Dipende da quel che vuole Maria. Il popolare è eterodiretto, ergo non è più voce del popolo.

Quanto ci mancano i Battisti-Mogol che riuscivano a descriverci una sfumatura, il tradimento di “Innocenti evasioni”, o anche solo “La gallina coccodè”, che pettoruta e superba assomiglia a tutte le donne del mondo. Quanto ci manca Renato Zero che canta il destino umano per grandi allegorie ne “Il Carrozzone”, oppure Branduardi e il suo stralunato violino che riempiva gli stadi.
Oggi abbiamo alcuni cantanti, musicisti, parolieri bravissimi, ma non riescono a scalfire il tempo dei talent perché troppo legati a un passato che voleva dire le cose: i Frigieri, i Solfrini, gli Spaggiari viaggiano su binari paralleli e morti perché ogni voce ha bisogno di un pubblico, ma nel chiuso di pochi club coraggiosi, quelli che non fanno suonare solo cover band e dj, non creano un humus di parole condiviso come potevano fare Dalla e Venditti, fra un Folk Studio e una piazza.
Il tessuto connettivo di una nazione sono anche le sue canzoni, un tessuto ormai sfibrato e piatto, in cui anche innestare cellule sane e vive non porta a nulla, perché impreparato ad accoglierle

Da osservatore, da ascoltatore informato, constato lo sfacelo e so che le forze storiche non si fermano con i mugugni o la buona volontà. Per ora non posso che recitare un atto di dolore, ascolto e riascolto quella musica popolare che ho snobbato all’epoca, e mi compro le raccolte dei Dik Dik e degli Alunni del Sole alzando una silente preghiera a questi antichi numi, sperando che ci salvino dalle fauci del leone di una modernità fast food che fagocita ogni cosa bella. Siamo stufi del brutto.

ps. Scusa Chris, ma di coccodrilli te ne hanno fatti troppi. Come mi facevi sognare in vita, mi hai fatto riflettere e crescere post mortem. Grazie.

cornell2

gli eroi son tutti giovani e belli

Recensione, Ginevra di Marco, “La Rubia canta la Negra” (2017)

by WM

Copertina_La Rubia canta La NegraLa voce di Ginevra di Marco mi ha accompagnato in una fase della mia vita che potrei chiamare per nome e cognome e di cui potrei contare i minuti, e dopo vent’anni lo splendore eccolo lì, anche se l’occasione di un incontro è abbastanza casuale e l’album è difficile. Un album di cover, concetto che in genere mi fa venire l’orticaria.

Ginevra vola alto nella ricerca di una maestra più grande di lei, una cantante talmente iconica da essermela persa finché Nanni Moretti non ha deciso di incastonarne una gemma in “Habemus Papam”, “Todo Cambia” della (ora lo so) grande Mercedes Sosa. Mi mancano i riferimenti e mi tocca abbandonarmi allo splendido timbro di donna Ginevra, supportata da un complesso minimale e gustosissimo, che ci fa girare in passi di danza o in tenere malinconie di quelle terre laggiù d’Argentina, dove in tanti portano il mio cognome e magari Mercedes Sosa l’hanno pure ascoltata, alla faccia mia. “Te requerdo, Amanda” ti si stampa dentro come un marchio a fuoco, come solo la dolcezza di una voce perfetta può fare.

Splendida “Fuoco a Mare” , dedicatale dal poeta Marco Vichi, traccia originale e vibrante. Forse l’arrangiamento di “Todo Cambia”, con il testo italiano di Teresa De Sio, non mi ha pienamente convinto, ma per il resto ci troviamo davanti a un signor disco cantato da una gigante, mai sopra le righe, sempre pronta a tendere e accarezzare le corde dell’anima nota dopo nota.

Ok, sono innamorato.

RadioOut: Sotterranei 13

_signbot

Venghino siòri! Riprende il nostro piccolo viaggio nel labirinto indipendente (da chi? da cosa?) italiano, il sottobosco, il sotto che emerge con una manciata di band davvero buone e un oldie but goldie dei santi protettori Betty.
Claudia e Francesco ancora hanno il coraggio di condurre (ba-dum tssss) Sotterranei!

iDottori – Marte
Buckingum Palace – Cosmesi
Gran Torino – Se stesso da solo
Klaudia call – Tutto o niente
Mojuba – Astral Sand
Betty Poison – Noone Left

Clicca per Scaricare la trasmissione

 

Scisma

febbraio 21, 2017 Lascia un commento

by WM

dal-pci-al-pd

piccolo spazio pubblicità (cit.)

Scisma è una parola che mi ha sempre affascinato, sia per il senso di taglio chirurgico e cesareo per nettezza e inevitabilità, sia per il senso di liberazione che sopraggiunge quando ti levi di dosso un peso morto. C’è voluto uno scisma per convincermi a pensare alla politica, e c’è stato bisogno di un trauma per farmi risvegliare da quel 2011 dove ormai era chiaro che non eravamo un paese normale, ma anche peggiore di quello che nei miei sogni peggiori potevo fingermi; non mi stupisce, né mi turba, quindi, se quelli là hanno distrutto tutto e ora tirano pure lo sciacquone. Quelli là sono il Pd.

default

ma pd!

Chi non ricorda la caduta del governo di B. ? Chi non ricorda ricatto dei mercati, lo spread e la promessa di un default argentino se non ci fossimo piegati alla politica dell’austerità? Servi dei servi siamo stati (servi dei servi ribadisco) e nemmeno la fine di Silvio, verso cui non sono stato mai tenero, mi parve giusta: un Cesare pugnalato.

Da quel momento una sinistra “blairiana” ci ha governato coi metodi e coi programmi della destra, insegnandoci il disimpegno e la spregiudicata libertà di chi ama passare col rosso ed evadere le tasse, ma con allegria.. E guai a protestare, o si era passatisti, nostalgici del tempo che fu e mai più sarà: è calato il silenzio, sopravvivevamo alla fine dei nostri sogni, alla rovina della banale idea di un paese normale.

E come potevamo noi cantare col piede straniero sopra il cuore, tra i morti abbandonati nelle piazze?

E ora?

Ora i compagnucci della parrocchietta del Partito Disastrato lasciano il chierichetto del loro leader scout e col babbo imprenditore inquisito, insieme alla sottosegretaria tutta sorrisi e col babbo banchiere inquisito, e mi parlano di socialismo, di critica al Capitale, di popolo da riconquistare alle destre, il tutto dopo aver ricapitalizzato le banche e votato il Jobs Act, robe che neanche il Silvio dei tempi d’oro.

Ma vaffanculo.

Certo, ovvio: un cordiale vaffanculo, ma andateci.

hanno-la-faccia-come-il-culo

scritto ieri, anzi no

Perché a tradire le idee non sono stati i cattolici liberali che impongono l’abolizione dell’articolo 18, ma chi da anni spiana loro la strada, innalzando l’imprenditore a categoria sacra dello spirito e si è scordato dei diritti dei lavoratori. Chi ha ammainato la bandiera in nome di una modernità da fastfood, perché il potere faceva gola e il far politica no, perché lo chiedeva la disciplina di partito.

Che bella parola: “partito”. Non la pronuncio da quando avevo i capelli biondi.

Vent’anni di retorica anti-partitica hanno distrutto le scuole di partito, le sedi di partito, le riunioni di partito dove si formavano i quadri dirigenti, lasciando la gente a pascolare in piazza o nei mcdonald e non insegnando loro che quando qualcosa non va, bisogna unirsi, sintetizzare nuove idee e portare avanti una battaglia politica e, scusate la parolaccia, ideologica. Sissignori, ideologica: non ideuzze raccattate qui e là, ma una lucida e rigorosa visione del mondo, un sistema strutturato di progetti e idee coerenti. Ma se il paese è ormai immemore delle battaglie politiche giuste (si è fatto togliere l’articolo 18 senza quasi fiatare), quindi come potremo mai ritornare a far politica?

I sinistri del Partito Disastrato lasciano una barca che affonda, pensando di rifondare il PCI-PSI senza avere sedi, soldi, persone: se in maniera complice non parli di socialismo da un trentennio, chi potrebbe mai dare fiducia a un’idea astratta e sbandierata da dei mediocri? Dai Bersani (il liberalizzatore), dai D’Alema (il baffetto sul catamarano), dai… basta, i compagni seri son tutti morti, restano i pupazzi.

1200px-logo_di_sinistra_italiana_rosso_bianco

datemi dieci euri e ve lo faccio più figo

Il PD si scinde, in quante parti non si sa; Sinistra Italiana, alternativa non ancora nata, con un tasso di emoglobina ancora ignoto e dal logo disegnato col Paint di Windows , si è già scissa verso Pisapia e verso l’autarchia autosufficiente, il M5S è primo partito, con promessa di diventare forza di governo e diverrà sempre magiormente attraente a furia di vaffa e polizze vita. La sinistra si parcellizza in atomi insignificanti, che anche se fossero quantitativamente concreti e visibili, si rifarebbero a idee non condivise, a vaghe nostalgie dei tempi che furono, utili a tirar su qualche voto ma incapaci di aggregare consenso, di stabilire un programma di azione.

13-03-storia%20del%20mondo%2007-002-bLa tradizione politica del ‘900, indegnamente rappresentata dal Partito Disastrato, era stata fondata da quel piccolo gigante sardo, capace di avere una visione del futuro anche quando finì in una galera umida a morir di tisi. Come Roma, era stata fondata da un Augusto; essa ora si conclude con il rumore delle forbici che scindono e con  tanti Romolo Augustolo, re piccini della decadenza che si fanno mettere in esilio e lasciano ai barbari lo scettro, incapaci non solo di pensare alla grandezza della Roma che fu, ma anche di guardarsi in faccia e riconoscersi.

Raffica di Febbraio ’17 n.2 ovvero ascolti random

febbraio 16, 2017 Lascia un commento

by WM

1El Matador Alegre, “Dreamland” (2017)

Beh, slowcore per slowcore, mi piacerebbe chiamarlo pop, il pop “di una volta, che t’ascoltavi le canzoni, e queste ti scivolavano ma non andavano via, lunghi giri e ti restavano come patrimonio genetico. Apprezzabile il nuovo disco dei El Matador Alegre, nome spagnolo, testi in inglese, sound molto curato e accattivante, una manciata di belle canzoni (pop, per carità, pop). Mi piacerebbe sapere chi sono, scaricare i testi, ma il web è parco di informazioni: speriamo ci dia qualche dritta la Cabezon Records.

Da ascoltare soprattutto i morbidi arpeggi di “Let me disappear” e l’accattivante “For my demons”.

imagesAchiote, “Loneliness of Endless Days” (2017)

Riceviamo tonnellate di link metal, a pacchi, quindi per smaltire stavolta mi sostituisco al sommo Doom (lode alla sua onniscienza) e pesco i finnici Achiote, che già dal titolo meritano ed hanno come missione farsi ascoltare, di non essere scorbutici, di provare a velare la magia del metal con amplissime dosi di melodia e chitarre afabili e vagamente decadenti. Godibili e romantici anche per chi non è molto addentro al genere e cerca emozione e intrattenimento, come me che ascoltando “Alpha Nexus” mi pareva di ritornare quel bambino che ascoltava i Marillion.

Operazione nostalgia, molto anni ’90, disco ben suonato, ma peccato che questi facciano gigs solo nei pressi del Circolo Polare Artico.

https://www.facebook.com/achioteband/

La Restaurazione, “Il trattamento speciale” (video, 2016)

Molto Csi, un serio tentativo di coniugare cose difficilissime da far coincidere e convivere, le chitarre rock, la tensione, il messaggio, lo spirito post-punk, la stessa polisillabicità dell’Italiano. Non invidio chi affronta questo labirinto di sfide, ma La Restaurazione ci prova con energia e vigore ritmico. Bravi.

Il violinista che sognava il Diavolo

febbraio 14, 2017 Lascia un commento

by WM

8_il-virtuosismo-nellarte-musicale-del-xviii-secolo-giuseppe-tartini

Una sera Tartini sogna, e si sogna il Diavolo.

Sogna messer Diavolone, le Pauvre Satàn che gli fa da domestico e a cui ha l’ardire di mettere il suo violino in mano: sì, perché Tartini è un signor violinista, fra i migliori del mondi, di tutti i tempi, forse un gradino sotto Paganini, ma chissà… le classifiche del genio hanno ben poco senso, quindi evitiamo, o un articolo semiserio diventa una stupidaggine come i clickbaiting del Corriere punto it (i migliori dieci sederi femminili nella storia del Cinema).

trillo

Ma torniamo a Giovanni Tartini e al satanasso nel soggiorno, che si avvicina sospettoso al violino, lo fiuta come il cane da tartufo sui colli la domenica, magari gli dà pure una gran leccata per vedere se sia un Guarnieri del Gesù o uno Stradivari (vabbè, un po’ di ucronia, consentitemela), e poi pizzica le corde a due a due, sol re la mi, mette la pece all’archetto e sbuffa zolfo.

E suona.

Suona la melodia più acuta e bassa, ultrasonica, veloce nei passaggi, blues nel sentimento, con diteggiature che avrebbero richiesto a Paganini di deformarsi le dita in pose diaboliche e disortopediche, il tutto mentre Tartini piange, fino alla nota acuta del finale, ma visto che, come dcevamo, è tutto un sogno, accade anche qui che ci si svegli con l’amaro in bocca e l’alienazione nelle pantofole.

tartini2Giovanni si tuffa al suo violino, quello vero, e archetta come un matto, senza riscaldamento e senza pece alcuna, per fermare quelle note, e si mette a piangere per davvero perché quelle note del Trillo suonato dal Diavolo gli sfuggono dalla sua memoria a forma di scolapasta. Allora si ferma, riflette, rinuncia.

Poi si siede, riflette ancora, e poi si mette a scrivere un pezzo che non vorrà mai pubblicare, rimarrà postumo quasi venisse dall’altro mondo, con un titolo spurio, “Il Trillo del Diavolo” affibbiatogli dagli allievi a cui Tartini aveva confidato qualcosa.

Non era uno stinco di santo: superbo e focoso da giovane, fu poi maturo maestro, ma nella selva dell’inconscio conservava l’antico titanismo del maestro d’armi e di spada che era stato, diviso fra duelli di spade, archetto e amori contrastati. Per tanti anni nelle notti più oscure, testimoni lo hanno visto suonare, ombra fra le ombre, in una chiesa di Padova, inseguendo il sogno di un suono perfetto, mentre intorno aleggiava un vago afrore di zolfo.

Raffica di Febbraio ’17, ovvero la banda degli omonimi

febbraio 10, 2017 Lascia un commento

by WM

Neanche a farlo apposta, gli omonimi rilasciano omonimi, perché prima della musica giunga il nome, si imprima nella memoria e poi lo seguano le note. Premiamo play.

1725469_10152011389877479_2145254892_n

Aemil (Omonimo, 2016 – EP)

Affidare darkwave ed electropop al sottoscritto è un po’ come mettere l’osso-clava in mano agli scimmioni di “2001 Odissea nello Spazio”, col risultato di confondere il primate plantigrado che si perde in una scia di grugniti, lasciando lì l’attrezzo inerte. Eppure con gli Schonwald aveva funzionato, mi son detto, e magari la magia si ricrea: dài, premiamo play allora.

Arrivano zaffate di anni ottanta e synthoni che non sentivo da quando programmavo il Korg di mio fratello, due composizioni per nulla sgradevoli, ma cadenzate e decadenti, che il mio mini-me di allora avrebbe lasciato a se stesse. Per fortuna si cresce, si espande la propria area cerebral-estetico-bocciofila e posso dire che me li sono sentiti dieci volte. Allora forse un ascolto lo posso consigliare in buona coscienza: anime gotiche di tutto il mondo e fanciulli/e che non sanno di esserlo: mungete con entusiasmo i link qui sotto.

https://soundcloud.com/aemilufficiale

https://www.facebook.com/aemilufficiale

___________

copertina_cafeamaro

cafeAmaro (Omonimo, 2017)

L’arpa pop, l’arpa jazz. Già dai tempi della new age dei primi anni ’90 ci avevano insistentemente provato a reinventare questo strumento antichissimo innestandolo in nuovi territori più pop, con alterni risultati, tra cui qualche discreta prova di Andreas Vollenweider (qui tutto il suo “Behind the gardens” ) o il celtico Vincenzo Zitello (“Et vice versa” è un bell’album, sul resto taccio).

Un tastierista, Andrea Ponzoni, e l’arpista australiana Diane Peters provano a far dialogare beat, synth e arpa in un disco molto gradevole e vagamente jazzato, con punti davvero buoni ed efficaci (il latin jazz di “Bossa Nova”) e qualche episodio più pretenzioso (Ying Yang).

Un disco che cresce alla distanza.

Qui il soundcloud: https://soundcloud.com/martepress/sets/cafeamaro/s-DXOh

https://www.facebook.com/cafeamaro/?fref=ts

___________________

15027500_210354599405175_6236684329296090077_nThe Klaudia call (omonimo, 2017)

Nome che resta, note che restano abbastanza. I The Klaudia call propongono un pop diretto tentando di essere chiari, ma non banali, leggeri, ma di giusta pensosa leggerezza. Brani brevi, alcuni belli e che restano (“Niagara” e “Nascondino” soprattutto): il tentativo di fare un buon pop-rock si è sempre scontrato in Italia con la polisillabicità dell’Italiano, la metrica difficile, il mercato diseducato da Ligabue che lo ha relegato a semplice anthem per tardoadolescenti. Sono produzioni seminali, dal basso e dalla basilare ostinazione come queste che ci tireranno fuori dalle secche?

I TKC sono gente che ama suonare: acerbi, in qualche passaggio ancora poco incisivi, ma devono trovare chi li aiuti a crescere professionalmente e ne rinforzi il lato pop.

Noi ascoltatori facciamo gli ascoltatori e apriamo le orecchie: il link sono qui sotto

https://open.spotify.com/album/1OnDxYuLZQ5nHXPIsRThDT

https://www.facebook.com/theklaudiacall