Archivio

Posts Tagged ‘Out segnala’

Out segnala: Ascolti di Febbraio ’19

febbraio 11, 2019 Lascia un commento

by WM

og“One Guitar”. La musica dei Mardi Gras a sostegno della ricerca sul Parkinson. La Light of Day Foundation da anni sostiene la lotta al morbo di Parkinson grazie al potere “benefico” della musica. Anche i romani Mardi Gras hanno deciso di partecipare a questa insolita raccolta fondi con una cover di un brano di Wille Nile, cult rocker americano da sempre legato alla Light of Day Foundation.
“One Guitar” è da oggi disponibile su tutti gli stores digitali e il ricavato dalle vendite andrà tutto in beneficienza.
Un video diretto da Marco Gallo con le video grafiche di Marco Castellani fa da corredo al brano.

https://www.youtube.com/watch?v=13D2shiXjv8

In questo stesso periodo, una carovana di musicisti americani è in attesa della WInterfest che si terrà nel New Jersey a Gennaio. Generalmente Bruce Springsteeninterviene in questa ultima tappa in quanto direttamente coinvolto nell’iniziativa. Lo stesso nome della fondazione prende spunto da una sua canzone.
Da più di dieci anni attivi sulla scena romana e internazionale i Mardi Gras in passato hanno già legato la loro musica ad Amnesty International, la “Drop the Debt Campaign”, e altre associazioni realizzando tre dischi con un ampia visione internazionale che li ha anche portati sui palchi irlandesi e negli studi di Abbey Road per terminare il loro terzo album. Neil Young ha scelto due dei loro brani per la sua speciale classifica “Songs of the times” dove il rocker canadese sceglieva le canzoni di protesta e di pace. I singoli “Shoes” e “Tried” li hanno visti protagonisti nel 2018 facendo da apripista a questo terzo singolo.
____

L’anno che verrà”: un augurio per il nuovo anno con Dalla e con Arau

Dopo l’uscita del cortometraggio “Un’altra musica”, in cui il cantautore Arau ha incarnato uno dei tanti artisti che negli anni, con la speranza di trovare ascoltatori per la propria musica, si sono ritrovati a ripercorrere le strade già percorse dai loro miti del passato (e che potete rivedere tramite questo link: https://youtu.be/gVkTWbT-sP0) esce oggi ufficialmente il singolo “L’anno che verrà”, eseguito dal vivo nel cortometraggio.

Il brano non è una semplice cover ma è la personale rivisitazione che il musicista sardo ha fatto del capolavoro di Lucio Dalla in compagnia della sua fedele chitarra Slide Weissenborn da ginocchia, ormai marchio di fabbrica della musica di Arau. Trovate il singolo qui:
Spotify: https://open.spotify.com/track/3ZWDanXR4k02OR3sdwAE9C

iTunes: http://itunes.apple.com/album/id1446800082?ls=1&app=itunes

Deezer: http://www.deezer.com/album/81914322

______

27751804_1604932222915677_4745704694139117615_n“17 Encores” segue il precedente lavoro di Daniele Bogon (pubblicato esclusivamente in formato digitale e con il nome Alley), arricchendo le 10 tracce contenute in “17” con altri 5 brani. Attraverso un panorama immaginario fatto di luci tenui e penombre, dove si alternano momenti sospesi di totale astrazione nell’Assoluto ad attimi più evocativi di ispirazione cinematografica, la colonna sonora intima e personalissima che si sviluppa nelle prime 10 tracce di quest’album accompagna l’ascoltatore nel suo viaggio interiore, diretto verso il centro del proprio universo privato e nascosto. Gli ambienti sonori che si creano nascono dalla fusione di note di pianoforte, archi e sintetizzatori in equilibrio con elementi di field recording e lavoro in studio. “Encores”, la seconda parte del disco, presenta cinque nuove tracce di matrice più elettronica e sperimentale, tra le quali sono presenti due reworks; il primo, “Batman is Bruce Wayne” si tratta della versione proposta nei live set audio/video del brano già contenuto in “17”; il secondo “Airport” invece vede la partecipazione di Push Against New Fakes che ha scomposto il brano ricostruendolo in una nuova forma del tutto originale.

La front cover e il design di “17 Encores” e del singolo “Batman is Bruce Wayne” sono ideati e realizzati da Valeria Salvo.

https://www.facebook.com/danielebogon

Biografia:

Daniele Bogon nasce a Padova il 17 Dicembre 1982. Intraprende gli studi musicali sin dall’infanzia studiando pianoforte, chitarra classica e infine basso elettrico. Dopo aver maturato diverse esperienze con i musicisti della scena padovana, fonda nel 2010 la band post-rock The White Mega Giant, con cui registra 2 album in studio: “Antimacchina” (2012) e “TWMG” (2014) e cura l’aspetto visual della band occupandosi di teaser e video. I tour che seguono la pubblicazione dei due dischi portano Daniele a suonare nei locali e festival di maggior rilievo della scena underground italiana con qualche partecipazione all’estero. Sospeso il progetto The White Mega Giant nel 2016, Daniele intraprende il proprio percorso solista, dedicandosi alla scrittura di nuovi brani, composti utilizzando principalmente sintetizzatori e pianoforte, mantenendo la matrice strumentale delle proprie composizioni. Nel 2018 esce “17”, primo album solista firmato sotto moniker Alley e pubblicato da New Model Label/Niafunken.

Out Segnala: ascolti di Gennaio ’19

di Claudia Amantini

RosGos – Canzoni nella notte (New Model Label – Tikka Music – MelaVerde Records, 2018)

RosGos è il progetto solista di Maurizio Vaiani, cantante dei Jenny’s Joke e “Canzoni nella notte” è il suo album di purificazione. Un totale di 10 tracce, 10 canzoni d’autore che affrontano il tema dell’amore nelle sue molteplici sfaccettature: tensioni (Viaggiarti il cuore), gioie (Riccioli), momenti felici (Scintille), addii (L’addio), dolori (Resta qui con me), sensi di colpa (Luvi), passione (Ovunque sei), malattia (Parole), congedi (Due Lame), perdita (Luce). Il tappeto sonoro è principalmente affidato al pianoforte e alla batteria elettrica, coniugando classico e psichedelia. Un album-percorso verso le emozioni della vita che sono servite all’autore per resettare dolori e sensi di colpa, per fissare momenti felici. Dall’album è stato estratto il singolo “Viaggiarti il cuore” che trovate qui:

Una Giornata Infausta – Un viaggio infinito (2018)

Una Giornata Infausta è un band abruzzese nata nel 2016 e con all’attivo un Ep omonimo autoprodotto. Nel 2018 iniziano a registrare il primo disco “Incubi senza horror”, in uscita nel 2019, che conterrà undici tracce. “Un viaggio infinito” (uscito il 15 Novembre) è una di queste tracce, brano scelto come singolo che ne anticipa l’uscita e che regala un assaggio della band abruzzese. Si strizza l’occhio a Marlene Kuntz e Verdena, si utilizza la metafora del viaggio verso una destinazione che racconta di “due vite parallele eppur distanti, ma destinate ad incrociarsi”. Un viaggio introspettivo, qui il video:

P38punk – Marionette (2018)

Storica band romana nata nel 1991 e che continua a sfornare punk politicamente ben inquadrato. Figli degli anni ’70, influenze che comprendono il punk inglese, tedesco, italiano, americano: Ramones, Sex Pistols, Nina Hagen, Dead Kennedys, Germs, Nabat, Negazione, CCCP-Fedeli alla linea, e chi più ne ha ne metta. Diversi demotape, album e singoli alle spalle per una carriera, meglio esperienza, davvero lunga. Dai CCCP prendono a prestito la definizione “punk filosovietico” per adagiarla alla propria musica fatta di sonorità cupe, ritmiche ossessive e testi politicizzati. E oggi di nuovo presenti con un nuovo singolo-video che abbiamo anche ospitato su Sotterranei 18.

Out segnala: Andrea Gini, “Il dio Del Nulla” (romanzo, 2018)

dicembre 14, 2018 Lascia un commento

Ci stiamo divertendo a leggere un romanzo di fantascienza che ci riporta ai brossurati Urania e alla tempi in cui Asimov, Ben Bova, Clarke, Pohl e compagnia varia erano nostre guide verso nuovi mondi. Lasciamo la parola all’autore…

Copertina Il Dio del nulla 15x23 definitiva

Sinossi:

La storia del “Dio del nulla” si svolge in un futuro lontano di migliaia di anni, nel quale l’uomo ha attraversato fasi di evoluzione e devoluzione fino a giungere al concepimento di una monarchia assoluta dominata da uno Stato Vaticano corrotto e deviato e da un Papa Re folle e megalomane.

L’intera umanità è ridotta in schiavitù, decimata e assoggettata all’onnipotenza e ai deliri religiosi di un uomo resosi immortale attraverso la scienza e i potenziamenti cibernetici.

Intere legioni di cyberman guidati da un’unica volontà folle pattugliano e rastrellano il pianeta in cerca di ribelli ed eretici.

Un piccolo gruppo di persone trama nell’ombra con il solo umile scopo di preservare la storia, la cultura e le conoscenze pre impero, ora considerate eretiche.

Uno sconvolgimento nella routine quotidiana di questo piccolo gruppo di “ribelli” avviene quando un intero mondo alieno viene avvistato in rapido avvicinamento alla Terra.

Il Papa Re avverte ciò come una minaccia e decidere di distruggere il pianeta misterioso con la sua immensa flotta di navi da guerra.

I “ribelli” interpretano l’avvistamento come l’opportunità di trovare potenti alleati che possano salvare il pianeta.

Entrambe le fazioni lasciano la Terra per intercettare il pianeta alieno.

I costruttori del mondo alieno sono i padroni dell’universo, esseri che governano, osservano e gestiscono ogni galassia a loro piacimento.

Custodiscono meravigliose tecnologie e inquietanti segreti.

Gli alieni sono già stati sulla Terra, dove millenni prima hanno creato con i loro esperimenti una creatura che nel tempo si è evoluta in “uomo”.

I protagonisti della storia affronteranno le battaglie con il Papa Re e le altre minacce nelle profondità dello spazio, accompagnati da due potenti antichi alieni.

Assieme a loro dovranno affrontare la più grande delle sfide.

Usare un misterioso manufatto per raggiungere la conoscenza assoluta oppure risvegliare il Dio del nulla.

Out segnala: Lucia Comnes a Roma (12/11/28)

dicembre 11, 2018 Lascia un commento

di Fabrizio Fontanelli

Lucia Comnes celebra la diversità delle culture musicali provenienti da tutto il mondo. Cantautrice, violinista e chitarrista, nota per le sue interpretazioni contemporanee di musica folk irlandese, balcanica, e americana e per le sue canzoni originali che risentono delle molte influenze. L’appuntamento è per mercoledì 12 dicembre nell elegante llbreria Marta Ray Book Bar a Borgo Pio 192 nel cuore di Borgo Pio. Ore 21, ingresso libero.

Out segnala: Concerti e ascolti di Novembre ’18 (3)

novembre 15, 2018 Lascia un commento

di Fabrizio Fontanelli

45285432_10217599075758838_3014135738263404544_o

Un concerto blues di Angela Davis Loconte bravissima e intensa cantante e una celebrazione del 68 con presentazione di libri e musica!

Giovedì 15 Novembre, 21:30 al Lettere Cafè, Via San Francesco a Ripa, 100/101, Roma.

45593437_10158049303209741_8547397716936753152_n

Slowcult torna a proporre il proprio appuntamento autunnale, un format che cerca ormai da molti anni di coniugare i vari aspetti (musica, letteratura, fotografia e molto altro) che come testata online ci vede presenti da più di undici anni nel panorama delle pubblicazioni culturali sul web. Dopo aver ricordato il 77 nel corso della slowfesta del decennale, non potevamo esimerci dall’offrire un nostro sguardo al 68, anno cruciale del secolo scorso, snodo epocale e fenomeno sociale i cui riflessi hanno inciso la storia degli ultimi cinquant’anni. La serata è incentrata sulla presentazione del libro ” Ce n’est q’un début … storie di un mondo in rivolta” scritto da Paolo Brogi, giornalista e scrittore, nonché titolare di un blog tra i più apprezzati per indipendenza e autorevolezza. Non un saggio ma un racconto dettagliato di quei dodici mesi, non limitato ai confini nostrani, ma che allarga il proprio orizzonte a quanto accaduto nel resto d’Europa e nel mondo. La presentazione verrà corredata da una mostra fotografica di scatti dell’epoca e dalle incursioni sonore di Federico Forleo. Seguirà poi l’esibizione live della band dei Fannie Crue, che cercheranno di farci rivivere il suono di quell’anno. Le selezioni musicali di PDF completeranno il quadro d’insieme, raccontando quello che si ascoltava, nelle poche radio a transistor, rigorosamente in onde medie, attraverso il solo canale televisivo nazionale, nell’impianto stereo del salotto di casa, oppure nei primi, ambitissimi, mangiadischi portatili.

Appuntamento quindi al Lettere Caffè, con ingresso libero Venerdì 16 Novembre a partire dalle ore 21. Slowfesta d’autunno ’18: è successo un sessantotto

Lettere Caffè – Via S.Francesco a Ripa, 100/101, Roma.

 

Out segnala: Concerti e ascolti Novembre ’18 (2)

novembre 13, 2018 2 commenti

di Claudia Amantini

Le Mondane – Stella e Croce (Alka Record Label, 2018)

Le Mondane sono un duo pop/folk composto da Luca Borin e Daniele Radaelli, nato a Novara nel 2014. Come “tradizione” quasi vuole i due muovono i primi passi all’insegna di cover, reinterpretate secondo la loro formula: chitarra, voce, kazoo, cajon, ukulele, mandolino, tastiere. I primi anni di attività li vede impegnati in concerti e collaborazioni di dischi e spettacoli teatrali. Man-mano nasce la voglia di comporre brani inediti e di realizzare il loro primo album: “I giorni della marmotta” (in uscita il 22 novembre 2018), distribuito e promosso dall’etichetta ferrarese Alka Record Label. Le Mondane miscelano pop, folk, jazz, e come assaggio dell’album e sua conseguente anticipazione esce un estratto, il singolo “Stella e Croce”, qui il videoclip:

Le Teorie di Copernico – Effemeridi (Autoproduzione, 2018)

Le Teorie di Copernico è la band romana capitanata da Francesco Chini che prende forma nel 2014 e a cui, nel 2016, segue l’esordio con l’Ep “Oh, il buon vecchio Charlie Brown!”. Il quintetto si muove tra cantautoriato e indie folk-rock d’autore, elabora canzoni ironiche e amare che cantano inquietudini, distanze, addii, soli che piovono e modi per imparare a far ridere il dolore. Il percorso avviato nel 2016 ci porta ora a “Effemeridi”, il brano vincitore del premio InediTo 2018, un singolo che rappresenta fedelmente i due volti del sound della band: indie e folk-rock d’autore. Qui il videoclip:

Carlot-ta in Tour, Roma 16 Novembre 2018 Tempio Valdese di Piazza Cavour

Una Cornice affascinante per un concerto unico. Carlot-ta suona venerdì 16 novembre nel suggestivo Tempio Valdese di Piazza Cavour (ingresso da via Marianna Dionigi 59 alle ore 21; biglietto 10 euro+ddp). Pianista e compositrice, l’artista presenta il suo nuovo album Murmure”, un canzoniere folk-pop interamente costruito attorno alle sonorità dell’organo a canne. Uno strumento antico e imponente che si associa normalmente al repertorio sacro e al contesto liturgico, sotto l’abile guida di Carlot-ta condurrà il pubblico in un viaggio che esplora in modo contemporaneo e drammatico le sue infinite possibilità sonore, alternando momenti intimi e malinconici a registri scanzonati e irriverenti, solenni e impetuosi. Tra ballate romantiche, valse musette, danze macabre e motivetti synth-pop, prende così vita un tour che non poteva svolgersi se non nelle chiese e negli auditorium. L’artista suonerà inevitabilmente uno strumento ogni volta diverso con le sue specifiche caratteristiche e peculiarità, ad accompagnarla tra i visual curati da Matteo Bellizi e Natsumi Corona, i fedeli compagni di sempre: Christopher Ghidoni (synth, voce e chitarra) e Paolo Pasqualin (percussioni).

Out segnala: Concerti e ascolti di Nov./Dic. ’18

di Claudia Amantini

45329606_191214625097309_8164039879672463360_nRomaeuropa: la leggendaria chitarra di Marc Ribot il 6 novembre in Prima assoluta incontra Del Monaco, Fay Victor e Cappelli

Reduce dal recente successo del disco Songs Of Resistance 1942-2018 – l’album di canzoni politiche anti-Trumppubblicato lo scorso settembre che vanta la collaborazione, tra gli altri, di Tom Waits – Marc Ribot arriva all’Auditorium Parco della Musica nell’ambito di Romaeuropa Festival martedì 6 novembre per la Prima assoluta di “The zone”, concerto ideato dal compositore Daniele Del Monaco.

“The Zone” porta in scena le energie di una nuova stagione della musica sperimentale newyorkese in cui confluiscono armoniosamente diverse anime musicali: l’energia del rock unita all’interplay dell’improvvisazione, i colori della musica contemporanea e la sintesi della composizione musicale. Un’occasione unica in cui si incontreranno la leggendaria chitarra di Marc Ribot, la voce inconfondibile di Fay Victor, osannata da tutta la stampa statunitense per il suo timbro ultraterreno e sciamanico, le tastiere e l’elettronica di Daniele Del Monaco e il Marco Capelli Acoustic Trio, ovvero Cappelli alla chitarra, Ken Filiano al contrabbasso e Satoshi Takeishi alla batteria.

45337816_752346765157679_4808063141655085056_nA Tribute to Rush

Grande ritrovo dei Rush & Limelight Lovers alla migliore birreria italiana!!!
Una serata dedicata ai fan dei Rush, famosissima band canadese che in 40 anni di carriera ha segnato la storia del rock.

Il Raduno, accompagnato da un Live Tribute a cura dei milanesi Limelight, coinvolgerà appassionati di musica rock progressive in un club affermato per la qualità della sua programmazione musicale.
VENERDI SERA 14 DICEMBRE 2018 h. 22,30 THE OLD JESSE 
via Maestri del Lavoro 27 – 21047 Saronno.

 

45478343_202107393915407_493661599677022208_nFabrizio Voghera – Inconscio subliminale: in radio dal 2 novembre il nuovo singolo dell’artista torinese.

Fabrizio Voghera, attore, cantante, musicista, compositore, è stato protagonista nel doppio ruolo di Quasimodo e Frollo nello spettacolo musicale “Notre Dame de Paris”, oltre che protagonista in “Romeo e Giulietta” di Riccardo Cocciante. Ha collaborato come autore dei testi allo spettacolo musicale “Cavalia” attualmente in tourneè nel mondo. Nell’ultimo anno ha scritto musiche e liriche di “Otello – L’ultimo bacio” opera musical originale nella quale riveste il ruolo da protagonista interpretando il ruolo di Otello.

“Inconscio subliminale” è un’analisi autobiografica del suo autore Emanuele Ignaccolo sulla dimensione dei sogni inconsci.
La voce è di Fabrizio Voghera, noto interprete italiano di musical, che ha saputo conferire ulteriore classe ed eleganza al brano.