Archivio

Posts Tagged ‘Oscar Isaac’

RadioOut: Gommalacca 11 – Nuovo Nuovo Mondo

by WM

Dead South.jpeg

The Dead South

Il folk non è morto? Forse scavando ne troveremo radici ancora non disseccate. Bravi musicisti e belle canzoni ce ne sono, ma c’è da chiedersi se il post-folk sia musica di popolo o ripescaggio romantico di suoni del passato. Per scoprirlo, guardiamo al Nuovo Mondo, all’America, dove tante tradizioni uploadate lì hanno attecchito e mostrano segni di una vivacità sempre sorprendente. Press play!

The Dead South – In Hell I’ll Be In Good Company
Mumford and Sons, Edward Sharpe, The Old Crow Medicine Show –
This Train Is Bound For Glory
Hillbilly Gypsies, “West Virginia is my home”
Cajun Country Revival – You Won’t Be Satisfied
AA.VV. – Man of Constant Sorrow (Live)
Oscar Isaac –  Hang Me, Oh Hang Me

CLICCA SULL’IMMAGINE PER ASCOLTARE GOMMALACCA 11

Crazy Diamonds, “Hang Me, oh, Hang Me”

Un tradizionale americano, parte della colonna sonora di “Inside Llewyn Davis” dei fratelli Coen, tradotto e spolpato.
Il film, secco e spietato al solito, mi ha spazzato la testa come vento di Borea, mentre la colonna sonora (al solito, punto fermo nei film dei Coen) mi ha al solito rapito e portato via, perché l’incredibile capacità di sintesi della musica popolare americana ha una forza che trascende ogni barriera e spezza le nostre resistenze: cosa possiamo opporle, col nostro patrimonio ormai buttato alle ortiche?

Il pezzo è “Hang Me, oh Hang Me”, interpretato da Oscar Isaac, che riprende la versione di Dave Van Ronk, folksinger e ispiratore delle vicende del film.

Ogni suggerimento sulla tradizione è ben accetto. (TESTO ORIGINALE)

_______

_______

(RIT.) Impiccami pure,
impiccami, tanto morirò presto
e non mi dispiacerà di pendere su una forca,
ma di giacere nella tomba, ragazzo mio:
in lungo e largo ho viaggiato…

Sono stato a Cape Girardeau, dalle parti dell’Arkansas,
avevo una fame dannata
che potevo nascondermi dietro una pagliuzza,
in lungo e largo ho viaggiato…

Salii in montagna,
feci lì la mia tana
fucile in spalla e un coltello in mano, ragazzo mio:
in lungo e largo ho viaggiato…

(RIT.) Impiccami pure…

Mettimi la corda al collo,
fammi penzolare in alto.
Le ultime parole che udii da loro:
“Non ci vorrà molto prima che tu muoia”.
Ragazzo mio:
in lungo e largo ho viaggiato…