Home > Musica, Uncategorized > Crazy Diamonds – Pink Floyd/Syd Barrett, “Jugband Blues” (1968, traduzione)

Crazy Diamonds – Pink Floyd/Syd Barrett, “Jugband Blues” (1968, traduzione)

by WM

syd-portrait

Ultimo pezzo di Syd Barrett per i Pink Floyd, pubblicato nel 1968 in un album che già dal titolo dice tutto (“una zuppiera di segreti”, A Sauceful of Secrets), Jugband Blues è un guazzabuglio di ritmi e suggestioni da far impallidire “Sgt Pepper” dei Beatles. Il probabile mash-up di quattro demo diversi e l’uso di una banda dell’Esercito della Salvezza producono un tessuto sgrammaticato e disortografico, dove emerge potente la dissociazione barrettiana.
Il Diamante Pazzo non si rivolge alla Luna, ma le si volge e vi si annulla, quindi il suo Io viene frantumato alla luce di una Luna troppo grande, troppo blu/blues/triste; le figure cerimoniali ne gettano via le scarpe, simbolo della vita camminata in piedi e ormai inutili, e recano il corpo che guarda verso l’altro, ormai non più qui, come il Socrate del Fedone, che ammoniva gli allievi a non credere che il suo cadavere sarebbe stato il vero Socrate. Costoro, innominati, incedono rossi come i papaveri della Lupa verghiana, simbolo vermiglio di morte che si stagliano su un inverno senza sole e dai colori attutiti e malinconici.

Costoro siamo noi che siamo stati lasciati qui a risolvere il rebus della sua vita, cercando di sopportare la nostra, mentre lui ci aveva avvertiti: I’m not anything that you think I am anyway. Non sono nulla di quello che pensate.

Jugband Blues (testo originale)

È davvero cortese che vi curiate di me qui,
e vi sono davvero grato per aver reso a tutti chiaro che non sono qui.

E mica sapevo che la Luna fosse così grande
E mica sapevo che la Luna fosse così triste
E vi sono grato che abbiate gettato via le mie scarpe vecchie
E che mi abbiate portato qui, vestiti di rosso
E mi chiedo proprio chi sia colui che potrebbe mai scrivere questa canzone.

Non mi importa se il sole non splende
E non mi importa di non possedere nulla
E non mi importa se sono nervoso con te:
esprimerò il mio amore in Inverno.

E verde non è il mare
E la regina non posso che amare
E cos’è esattamente sognare?
E cos’è esattamente una burla?

Advertisements
  1. Non c'è ancora nessun commento.
  1. No trackbacks yet.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: