Home > Uncategorized > Metalrece: GRAMAR+WHITENOISE

Metalrece: GRAMAR+WHITENOISE

Gramar

by DOOM

 

GRAMAROskolki Veri (Pieces of faith – 2014)

Gramar sono una band Russa e provengono precisamente dalla regione degli Urali dove sono considerati delle vere e proprie rockstar. Fondata nel 2010 dal chitarrista compositore Ilya Sokolov e dal batterista Ivan Salo. I nostri hanno all’attivo due EP: ‘Existential Quantifier’ del 2013 e l’ultimo nato ‘Oskolki Veri’ (Pieces of faith) del 2014 interamente cantato in russo. Lavoro distribuito dalla dinamica etichetta GlobMetal Promotions. ‘Oskolki Veri’ è l’EP in analisi ed io da buon psicoterapeuta musicologo inizio la seduta, approfitto dell’assenza di mia mamma alzo il volume a palla come diceva il defunto Owen Brown ‘Questa musica va ascoltata a palla, perché renda!’ Il lavoro in questione conta quattro tracce di buon Heavy/Gothic/Rock ben suonato, arrangiato e orchestrato. Anche se le partiture avrebbero bisogno di più atmosfera, di più aperture melodiche, di più assoli, il che non guasterebbe e personalità. Nostri pescano a piene mani nello stile ben calibrato dei Amorphis/Paradise Lost/Katatonia. Anche nel cantato/lamento. La produzione lascia a desiderare troppo grezza e poco raffinata come richiesta dal genere.

Benino l’inizio anche se aspettiamo con trepidazione un lavoro più completo e personale e preferibilmente cantato in inglese.

 

 

whitenoiseWHITENOISE – The Herd (2014)

Dannazione! Il vicino spaccamaroni si sta a lamentare con la dirimpettaia per il volume scassa timpani del mio hi fi. Meglio che metto quale tacca in meno e mi godo i Whitenoise band di metalcore israeliana (anche se la classe dirigenziale israeliana non mi scende giù per la condotta aggressiva verso la popolazione palestinese faccio il bravo e recensisco il lavoro con obiettività) di origine russa fondata nel 2004. Con all’attivo due EP. ‘New Breed’ del 2011 e il nuovissimo ‘The Herd’ uscito agli inizi di agosto per l’etichetta GlobMetal Pomotions. The Herd contiene tre pezzi di energico metalcore con venature punkettare impastata con la crudezza dell’hardcore e condita con inserti rockettari. Voce al vetriolo sporca al punto giusto per il genere e i cori azzeccati nei pezzi. L’influenza dei vari Caliban/Heaven Shall Burn/Chimaria/Unearth/Cataract si sente tutta anche con tutte le sue molteplici varianti resta un genere avviluppato su se stesso. Produzione fedele al genere fredda e granitica che non ammette ragioni. Buona la preparazione e l’esecuzione dei brani però ci vorrebbe più personalità anche se il genere non permette altre soluzioni. Buono l’inizio per un giudizio completo aspetto il lavoro completo.

Advertisements
  1. Non c'è ancora nessun commento.
  1. No trackbacks yet.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: