Home > Musica, Recensioni > Recensione: Gioventù Bruciata (omonimo, 2014)

Recensione: Gioventù Bruciata (omonimo, 2014)

by DOOM

Fronte_CoverSi ritorna a recensire band italiane. Che bello! Questa volta facciamo un tuffo nel brodo primordiale del punk-hardcore italiano. La nostra nuotata si ferma a Formia (Latina) fine anni ottanta dove troviamo un gruppo di ragazzacci bruciati dalla rabbia che vogliono demolire ‘l’ipocrita società’ a colpi di musica letale e testi al vetriolo. Il primo vagito-band porta il nome di Waste ma subito cambiato in Gioventù Bruciata.

I nostri pubblicano la prima demo omonima nel 1997 e nel 2000 esce la seconda demo ‘Reazione Violenta’. Dopo aver girato mezza Italia insieme la miglior crema punk-hardcore italiana la band si scioglie. Ritorniamo ai giorni nostri. Il primo di giugno del 2014 edito dalla Brigadisco Records esce il debutto ufficiale della band che porta il titolo di ‘Gioventù Bruciata’. Inserisco play, alzo il volume a palla, di là mia mamma che grida: ‘Abbassa il volume’ io me ne frego. Perché mi piace essere azzannato dalle note di ‘Gioventù Bruciata’. Si spara con l’iniziale ‘33 giri’ subito si ha la sensazione che i nostri aggrediscono il malcapitato ascoltatore con coltellacci spuntati non voglio tagliare ma sfregiare. Mi tiro tutto il disco, 16 pezzi, senza respirare, però ho dovuto abbassare il volume per non essere cacciato di casa. Attitudine nichilista, urla furenti, cantato monocorde e carico di rabbia, linee melodiche praticamente inesistenti, assoli minimali, riff acuminati come pugnali, sezione ritmica spacca ganasce, testi velenosi e taglienti il tutto vomitato con furia hardcore: in sostanza 16 pezzi uno via l’altro che sanno di suoni metallici e voci cartavetro. Il disco contiene anche due cover: ‘Gioventù Bruciata’ dei Bloody Riot e ‘Visioni Meccaniche’ dei Khalmo. Cosa dire, ragazzi, a me piacciono parecchio, anche se i pezzi risalgono a qualche anno fa li trovo freschi ed attuali. Un ascolto lo darei se fossi in voi. Bentornati!

  1. Non c'è ancora nessun commento.
  1. No trackbacks yet.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: