Home > Musica > Rrröööaaarrr: Tristania

Rrröööaaarrr: Tristania

Tristania

by DOOM


I
Tristania sono una gothic metal band norvegese, fondata nel 1996 dal chitarrista e cantante Morten Veland, dal tastierista Einar Moen e dal batterista Kenneth Olsson in seguito si aggiungono al gruppo i due chitarristi Anders Høvyvik Hidle e Vibeke Stene e il bassista Rune Østerhus. La band registra nel 1997 il demo EP ‘Tristania’. Il lavoro è molto apprezzato dagli addetti ai lavori mentre la furba etichetta austriaca Napalm Records, fiutato le potenzialità della band, batte la concorrenza sul tempo e li mette sotto contratto. L’anno successivo debuttano con ‘Widow’s Weeds’.
I
Tristania, già con l’album d’esordio, rivelano una notevole maturità artistica e uno stile musicale perfettamente delineato, anche grazie alla partecipazione di artisti con maggiore esperienza come il violinista Pete Johansen dei The Sins of Thy Beloved. Il secondo full-lenght, ‘Beyond the Veil’, viene pubblicato nel 1999. Il nuovo lavoro si discosta molto dalle sonorità, doom, che avevano caratterizzato il sound della band. Beyond the Veil presenta infatti un’impostazione più death metal in chiave melodico-sperimentale. Dopo l’uscita Beyond the Veil, Morten Veland, fondatore e il principale compositore della band, a causa di una profonda divergenza musicale e sociale con gli altri membri decide di lasciare. Formando successivamente i Sirenia. Il nuovo album, ‘World of Glass’ esce nel 2001. Lavoro che combina elementi tipicamente ‘tristaniani’ con cori, violini, pianoforti, componenti elettroniche ed industrial. Anche nei i testi il nuovo album si distanzia dai temi romantici delle prime due uscite, incentrandosi principalmente su argomenti religiosi ed onirici. Il quarto album, Ashes, viene pubblicato nel 2005, dalla tedesca Steamhammer Records, che li ha assunti subito dopo la scadenza del loro contratto con la Napalm Records. Questo lavoro vede una decisa diminuzione delle componenti gotiche con sonorità molto più essenziali vicine al doom metal tradizionale. La presenza di cori è nettamente ridotta rispetto ai lavori precedenti; scompaiono anche i violini di Pete Johansen rimpiazzati dalle melodie al violoncello di Hans Josef Groh.

Il 27 febbraio 2007 esce ‘Illumination’ ultimo lavoro targato Steamhammer Records. La band dopo i molteplici problemi di line-up approda di nuovo alla Napalm Records pubblicando nel 2010 Rubicon’ e nel 2013 Darkest White. Lavori che si discostano profondamente dal sound che li aveva resi famosi nei primi dischi. Proponendo un sound molto leggero ed orecchiabile. Il sound dei Tristania fino al terzo album si è quasi sempre focalizzato su elementi tipicamente classici, primo fra tutti la voce lirica femminile, che accompagna le parti più spiccatamente metal spezzandone la ripetitività e dando loro una maggiore profondità ed incisività. Le melodie create attraverso cori e strumenti classici come il violino, il pianoforte e il flauto sono spesso molto ricercate e complesse e si intrecciano perfettamente con i pesanti riff di chitarra e le voci death caratteristici del symphonic black metal(in Widow’s Weeds), del death metal (in Beyond the Veil) e del doom metal (in World of Glass). Diffuso è anche l’utilizzo di tastiere e sintetizzatori. La vena sinfonica viene persa nel quarto album, Ashes. Con Illumination, segna una svolta radicale nel sound della band verso il gothic rock.

  1. Non c'è ancora nessun commento.
  1. No trackbacks yet.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: