Home > Musica, Recensioni > Recensione: Redline Season, “Invictvs” (2014)

Recensione: Redline Season, “Invictvs” (2014)

REDLINE SEASON AGNELLO OROby GALA

Un vortice che raggiunge il centro della terra composto da fango, lava, filo spinato e chilometri di fili di chitarra. INVICTVS ti schiaccia con tutta la sua potenza. Batteria presente e con un posto d’onore in tutti i brani eccetto :”Phoneix First light” in cui si ha un attimo di pace durante la discesa negli inferi. I Redline Season escono con questo loro secondo album che scotta come una patata bollente e il suo nome è INVICTVS, parola che proviene dal latino e significa “mai sconfitto” e rende bene l’idea del mood che questi artisti volevano e sono riusciti a ricreare.
Le scelte che si possono fare dopo essere stati piegati dalla vita sono due: una è gettare la spugna e l’altra scelta è quella di continuare imperterriti anche se si sta’ sputando sangue e i Redline Season non indietreggiano mai e vanno avanti pieni di graffi e lividi, ma carichi e forti anche nei pezzi più lenti.
Il filo scarlatto che lega la prima all’ultima canzone è un alone mistico e quasi sciamannino fatto di pozioni, sortilegi e trance divinatorie.
Un viaggio dalle note psichedeliche dai toni dark che mi fanno sentire come una cavia da laboratorio senza via di scampo. Copertina da sballo.

PAGINA FACEBOOK

 

red_line_season_oriz

  1. Non c'è ancora nessun commento.
  1. No trackbacks yet.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: