Home > Musica, Recensioni > Recensione: Mindwarp (EP omonimo, 2014)

Recensione: Mindwarp (EP omonimo, 2014)

by DOOM

1653680_1378515435747466_1004642043_nMi rituffo dopo qualche mese di ristoro nel mondo sabbioso e rovente dello stoner/doom. La band che oggi mi accingo recensire è un trio pugliese precisamente di Brindisi che porta il nome di Mindwarp. Nati nel 2012 dalle ceneri dei Southern Cult. I nostri giovani amici brindisini si presentono con un EP di quattro pezzi interamente strumentale intitolato semplicemente ‘Mindwarp’ in uscita il 21 febbraio per la Acid Cosmonaut Records. Il pezzo messo a disposizione dalla band per noi scribacchini lo si può trovare facilmente su bandcamp.

Un po’ pochino per dare un valutazione onesta, comunque ci proviamo. Adesso si fa sul serio! Occhio alle orecchie. Il pezzo in esame si srotola in mille rivoli sperimental stilistici senza limiti, fuori dai canoni comandati dal genere. Il suono è molto vario, con riff e suoni che provengono dallo desert/stoner all’acid blues passando per il progressive e il funky. Alcuni passaggi ricordano i vari Brujas de Sol, Atomic Vulture e Colour Haze. L’intento dei nostri è quello di amalgamare il più possibile le diverse influenze musicali per creare un solo impasto sonoro dal sapore abbastanza personale.

Per gli appassionati di questi piccoli tesori sonori. Buon ascolto.

Categorie:Musica, Recensioni Tag:,
  1. Non c'è ancora nessun commento.
  1. No trackbacks yet.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: