Home > Musica > Rrröööaaarrr: Opeth

Rrröööaaarrr: Opeth

by DOOM

newpicGli Opeth sono una band di progressive/death metal svedese.

Viene fondata nel 1990 a Taby, da David Isberg cantante, Mikael Åkerfeldt bassista poi chitarra e voce e dal chitarrista Peter Lindgren. Le prime composizioni: Requiem of Lost Souls e Mystique of the Baphomet sono fortemente influenzate dal death metal e presentano riff pesanti e violenti, atmosfere maligne e oscure. La band subito ottieneun contratto dalla neonata Candlelight Records. Il primo album, ‘Orchid’, viene inciso nel 1994. Il disco è prodotto dagli stessi Opeth insieme al musicista-produttore Dan Swanö. Nel 1996 viene registrato sempre insieme a Dan Swanö‘Morningrise’, considerato da molti fan come il capolavoro della band. Fra l’Agosto e il settembre del 1997 registrano il loro terzo album, ‘My Arms, Your Hearse’ che viene pubblicato agli inizi del 1998; il disco continua a sperimentare la fusione fra il death metal e il rock progressive pur insistendo maggiormente su sonorità doom.

Dopo la rottura con la Candlelight Records gli Opeth firmano per la Peaceville Records. Leggendaria etichetta dei più importanti gruppi doom metal inglesi e ‘Still Life’, quarto album in studio della band esce nel 1999, lavoro che si riavvicina molto allo stile di Morningrise, inoltre presenta un contrasto meno netto tra le parti death e quelle più melodiche e si mostra come un disco fortemente sperimentale e progressivo con atmosfere a tratti calde e rilassate. Blackwater Park, il quinto lavoro in studio esce nel 2001, pubblicato dalla più famosa etichetta discografica Music For Nations e prodotto da Steven Wilson, frontman dei Porcupine Tree. Con la pubblicazione di Blackwater Park arriva la svolta decisiva: il disco porta gli Opeth ad essere considerati una delle band più importanti del panorama metal contemporaneo. Tra il 2001 e il 2002, su consiglio dell’amico Jonas Renkse dei Katatonia, Mikael Åkerfeldt decide di fare un’ulteriore sperimentazione: pubblicare due album gemelli, inserendo le tracce più heavy in uno e quelle più progressive nell’altro ma la Music For Nations però considera il tutto come un solo lavoro e concede alla band un budget di produzione per un solo album. Nel 2002 viene pubblicato ‘Deliverance’, dalle sonorità più pesanti ed estremamente vicine al death metal. L’anno successivo, il 2003, esce il “gemello” ‘Damnation’, opera suonata quasi interamente con chitarre “pulite”, molto vicina alle sonorità rock anni ’70. Nel 2005 la Music for Nations fallisce e gli Opeth firmano per la statunitense Roadrunner Records.

L’ottavo lavoro degli Opeth, ‘Ghost Reveries’ esce nel 2005, il lavoro si posiziona nei posti più alti delle classifiche di vendita di vari paesi del nord Europa. Il 17 maggio 2007 viene data la notizia dell’abbandono di Peter Lindgren dopo 16 anni memorabili a causa dell’eccessivo stress da tour. Il sostituto viene quindi trovato in Fredrik Åkesson (ex-Arch Enemy). ‘Watershed’, esce nel 2008. L’album vede per la prima volta nella storia del gruppo la partecipazione di una voce femminile, Nathalie Lorichs nel pezzo, “Coil“. Nel 2011 esce il decimo album in studio, dal titolo ‘Heritage’. Prodotto ancora una volta da Jens Bogren e Steven Wilson. L’intero album è completamente rock progressivo, privo di growl come è già stato fatto per Damnation. Gli Opeth, dal punto di vista stilistico, nascono come una band death metal, affondando le proprie radici nelle classiche sonorità del genere, ispirandosi a gruppi quali Morbid Angel, Death e Bathory. Però l’ascolto di una band svedese, i Mefisto, che aveva inciso una sola demo, cambia le vedute del gruppo sul metal estremo: l’accostamento di sonorità death con elementi melodici ed acustici adottato in questa demo intitolata The Puzzle porta gli Opeth a riconsiderare altri generi diversi dal death metal. Questa riconsiderazione non si risolve però nel cambiamento radicale di genere, ma in un approfondimento e nella fusione di più generi diversi. Al death metal vengono accostate influenze progressive rock anni settanta sul genere di Camel, Yes, Emerson, Lake & Palmer e King Crimson ed una gran quantità di spunti e contaminazioni blues, jazz e soprattutto gothic metal. Il risultato è un tipo di musica molto originale, difficile da classificare, che ha ricevuto molti appellativi tra cui “progressive death metal”, che probabilmente è quello che più gli si addice.

È comunque più corretto dire che gli Opeth abbiano creato un genere a sé stante, originato dalla loro fantasia e dalla fusione di tanti generi differenti. Ascoltare per credere!

Categorie:Musica Tag:, ,
  1. Non c'è ancora nessun commento.
  1. No trackbacks yet.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: