Home > Libri, Recensioni > Recensione: Massimiliano Nuzzolo, “Fratture” (romanzo, 2012)

Recensione: Massimiliano Nuzzolo, “Fratture” (romanzo, 2012)

di Claudia Amantini e Francesco Misiti

FrattureUn libro a due voci, le voci di Thomas ed Elisa. Due mondi che s’incontrano via cellulare. Entrambi vittime della vita, entrambi che cercano di “trovare una cosa sensata da dire, un gesto ideale per ricomporre le fratture”.

Thomas sembra avere una vita felice, famiglia, lavoro, ragazza. Elisa anche, studentessa fuori sede con la passione per la fotografia. Ma la frattura è in agguato: Thomas è vittima di un incidente e si risveglia dal coma con la memoria azzerata, non riconosce né madre, né padre, né sorella, né fidanzata. Casa sua, la sua stanza, si sente estraneo. Elisa è risucchiata dal suo personale inferno, per lei il mondo pesa.

Un giorno Thomas legge una scritta nel bagno di un locale: “Cerco disperatamente una persona che abbia ancora l’anima e che possa prestarmela. Ne avrò molta cura. Promesso. È una cosa seria”, sotto la frase un nome e un numero di telefono. Thomas chiama e dall’altro capo Elisa risponde. E il libro fila via così, tra le conversazioni telefoniche, tra gli stati d’animo dell’uno e dell’altra. Anzi il libro inizia a Roma, fa rewind e si richiude a Roma, la città eterna. Nel mezzo citazioni sparse, i vinili di the Cure, Ramones, Bauhaus, David Bowie; i libri di Camus, Wilde, Tondelli, Carver, Fante. Momenti che qualcuno tenta di immortalare con Transformer di Lou Reed mentre il primo capitolo omaggia i Joy Division. Un libro pieno di musica.

Ci sono risate, ci sono lacrime, la voglia di “trovarsi”, di ripartire da zero: “Fratture” è specchio del suo tempo, inquietudini del millennio, frammentazioni e intrecci su piani sghembi, dove l’intreccio insegue una fabula fluttuante, ora delicata, ora sanguigna; le fratture dello spazio-tempo si incrociano su piani lontani che cercano una convergenza di rette parallele all’infinito.

Libro difficile, come difficili i tempi. Non consolante, non scevro da una sottile tenerezza. E a noi di Out è piaciuto così.

SITO: http://fratture.wordpress.com/

Advertisements
  1. Non c'è ancora nessun commento.
  1. novembre 2, 2013 alle 11:10 am
  2. novembre 2, 2013 alle 11:15 am

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: