Home > Musica, Recensioni > Recensione: Aidoru, “…13 piccoli singoli radiofonici” (2004)

Recensione: Aidoru, “…13 piccoli singoli radiofonici” (2004)

aidoruGli Aidoru non sono un gruppo pop. “90, la paura” non è certo qualcosa che avvicini, ma pare sfidarci su un terreno di musica-non-musica.

I “…13 piccoli singoli radiofonici” non sono singoli radiofonici, perché non sono ruffiani e non vogliono piacere per forza. Ma poi “Nothing infinity, reality” finisce col piacere a prescindere.

Gli Aidoru non sono un gruppo di drum and bass: quando inizi a pensarlo, cambiano immediatamente tono e pelle, diventando irriconoscibili e pop, e magari finisci a pensare che siano pop. (“Giorni”)

aidoru_intie1I “…13 piccoli singoli radiofonici” non passeranno mai per radio, perché rischierebbero di farti pensare che i generi e gli stili siano solo gabbie per scimmie dove si rinchiudono volontariamente i mediocri.

Gli Aidoru non sono dei provocatori postmoderni, che dicono di voler fare la rivoluzione degli stili, ma degli eclettici che li attraversano trasversalmente, perché il sale della musica è la libertà e le parole sono porte ed ali che non sai mai dove ti porteranno. (“Parole, porte, ali”)

I “…13 piccoli singoli radiofonici” non ci sembrano meno meritevoli di tanti altri prodotti osannati dalla critica, perché si scagliano contro la cattiveria della gggente e di quelli là che non capiscono i gggiovani; il disco guarda alle emozioni interrotte, ai sentimenti confusi di un nuovo millennio ancora tutti da scoprire. (“Fas 13 bis”)

Gli Aidoru non fanno nulla per farsi scoprire, per venire poi alla luce come i graffiti testimoni di epoche lontane e vicine, nascosti sotto una fronda, coperti da una roccia. E poi un guizzo di Area e New Perigeo ti attraversa le casse (“Se la parola amore”) e vive di luce propria per spegnersi in un sussulto jazz-rock.

Espressionista e naif il lavoro di packaging di Snowdonia, inquietante e all’inizio disturbante, mentre preferiresti più sospensione metafisica, ma alla fine gli occhi ti si incollano lì, sui quei disegni che promettono la felicità e ti imprigionano nel ghirgoro del lettering.

  1. Non c'è ancora nessun commento.
  1. No trackbacks yet.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: