Home > amantinustra, Uncategorized > Vita Romana, Parte Quarta

Vita Romana, Parte Quarta

11di Claudia Amantini

6) Before Crisis (Spazio Ebbro, 19 febbraio 2013)

Spazio Ebbro, come ebbro di vino (e non solo), di violenta passione,… locale eccentrico, ma bello per arredamento/situazione. Concerto di Before Crisis, gruppo romano di matrice rock. Che ridere ritrovarmi Michele, bassista del gruppo e fonico presso Locanda Atlantide (se non amico del mio carissimo Anto), vestito da donna per l’occasione! Oh Michele, il vestito aderente e la parrucca bionda ti dona assai. Serata all’insegna del rock e di cari amici, come molte situazioni romane dove ti ritrovi in locali per sentire amici che suonano, bere qualcosa con loro, scherzare, ridere e tenere lontane angosce e cattivi pensieri. Salutare.

4

________________________________

appino1

7) Andrea Appino (Black Out, 12 Aprile 2013)

Il Black Out è uno di quei locali che si ricordano. Quando ci andai la prima volta si trovava in zona San Giovanni, ora è da un po’ che ha traslocato sulla Casilina. Sempre stato un bel punto di ritrovo, sempre concerti deliziosi. E ad Aprile ci è passato Appino, col suo “Il Testamento”. Ovvio, a me Appino fa pensare esclusivamente a The Zen Circus e gli Zen mi fanno pensare a Francesca che ne era, credo lo sia ancora, patita. È un po’ il troppo pensare che mi ha portato lì. Certo, Il Testamento si può definire opera prima di Appino, anche se come musicista non è proprio di primo pelo. Anni e anni a suonare. E si sente. Animale da palco, ottimo album solista. Bel concerto, bell’atmosfera. ..e cara Francesca Paolini quella sera ti ho pensato, a te, alla tua ‘600 rockettara, agli album Zen che ci siam ascoltate, a te che avevi intervistato Karim Qqru per blogdiout.

____________________________

8) Albe 1371769_577170215684238_1093799258_n

Incredibile come, quando si esce, ci vuole poco perché l’alba arrivi… esci col buio, rientri con la luce. Al di là della stanchezza, al di là dei luoghi… perché il tempo passi così veloce, perché in un niente si arrivi già a rientrare con un altro bello spettacolo (la città quieta, tutti che ancora dormono, strade semideserte, quasi fantasmi che si aggirano), questo vuol dire solo una cosa: serata piacevole, amici di ottima compagnia, il tempo che scivola via…

1368826_577169882350938_850220386_n

9) Nu Indaco (Casa del Jazz, 21 Aprile 2013)

1380980_577171692350757_333281422_nLa musica senza confini, la Casa del Jazz che festeggia il suo compleanno con un concerto all’aperto nel giardino-parco confinante, una domenica passata in compagnia dei Nu Indaco e di“Hibiscus”, ultimo disco da loro prodotto. Sonorità che spaziano tra psichedelica, word, musica sarda e musica antica. La voce di Monica sempre più bella (prima o poi me la voglio sentir cantar lirica), e poi tutti gli altri, Anto, Mario Pio, Martino, Alessandro, Christian, Matteo… cribbio quanti sono, va a finire che qualcuno lo dimentico! E poi bello questo compleanno, una sportina gentilmente offerta dall’organizzazione con all’interno pseudo-lenzuolo (dai colori diversi) per stendersi nel prato, 2 panini e bottiglia d’acqua… per come mangio io equivale ad invito a pranzo (ok, poi con Dania birretta al bar, che ci stava bene).

992442_577171569017436_1630850632_n862780_577170905684169_516150315_n

  1. Non c'è ancora nessun commento.
  1. No trackbacks yet.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: