Home > Musica > Rrröööaaarrr: Emperor

Rrröööaaarrr: Emperor

by DOOM

logoGli Emperor sono una band di symphonic black metal, fondata in Norvegia nel 1991 da Samoth (batteria), Ihsahn (chitarra, voce e tastiere) e Mortiis (basso). La band pubblica nel 1991 il demo Wrath of the Tyrant, lavoro grezzo, ferale ma zeppo di buone idee, idee rivoluzionarie per quei tempi. Il potenziale della band viene notato dall’etichetta Candlelight Records che decide di metterli sotto contratto. Con i soldi della Candlelight, la band registra l’omonimo EP (1992) che contiene 2 tracce del demo e 2 completamente nuove; per l’occasione Samoth abbandona la batteria, sostituito da Bård Faust, per dedicarsi alla chitarra.

All’inizio del 1993 in Norvegia scoppia il caso Inner Circle, il presunto circolo di nazi-satanisti di cui fanno parte molti personaggi della scena black metal norvegese, fra cui Mortiis e Bård Faust degli Emperor. Quest’ultimo viene arrestato per l’omicidio di un omosessuale. Dopo l’arresto inizia a collaborare con la giustizia. Nel frattempo Mortiis, temendo di essere arrestato, decide di fuggire in Svezia. Tutto questo accade mentre la band sta registrando l’esordio ‘In the Nightside Eclipse’. Nonostante le traversie affrontate, l’album viene pubblicato 1994. Le sonorità sono pregne di atmosfere sinistre, oscure e gelide che vengono esaltate ancora di più dagli inserti di tastiera. Il cantato sofferente e maligno di Ihsahn, rende le composizioni ancora più spettrali. Il look della band è quello tipico dell’iconografia black metal più intransigente: pesante corpse paint, mantelli e abiti neri, borchie ed altri elementi estetici che rendono il tutto più estremo e guerresco.

Dopo il tour di promozione in compagnia degli Enslaved, gli Emperor devono affrontare nuovi problemi di formazione dovuti all’arresto di Samoth per profanazione di cimiteri e all’allontanamento di Tchort, poi sostituito da Alver. Ristabilita la line-up, la band nel 1996 pubblica l’ EP, Reverence’, che funge da apripista al nuovo album Anthems to the Welkin at Dusk, del 1997. Questa opera segna un cambiamento netto nel sound degli Emperor rispetto ai lavori precedenti: nonostante la band spinga sull’acceleratore per quanto riguarda la violenza musicale, prende forma una nuova architettura compositiva che miscela, il black metal più freddo e violento con influenze sinfoniche, epiche e progressive e a rendere ancora più maestoso il sound è l’innesto del cantato pulito.

newpic

Alla fine del 1998 Alver lascia la band. Nel 1999 esce IX Equilibrium che conferma lo stato di forma della band, che riesce a innovare ancora inserendo nuovi elementi ad un sound diventato molto articolato e complesso ma sempre fedele allo spirito black metal. Dopo la nuova uscita il trio parte per un lungo tour insieme ai Morbid Angel. Durante questo tour la band registra il live Emperial Live Ceremony, che esce nel 2000 nella doppia veste di CD e DVD. Prometheus: The Discipline of Fire & Demise, è del 2001. Quarto e ultimo capitolo della band norvegese, che si scioglie pochi mesi dopo. Il grande numero di fan e la consapevolezza di avere ancora molto da dire fa tornare sui propri passi la band, che decide di riunirsi nel 2005 partecipando a sorpresa ad uno show a Oslo.

Nel 2006 il gruppo partecipa come headliner ai più importanti metal festival europei e ad alcuni concerti negli USA. Il 2 Agosto 2013 trapela tramite i siti specializzati la notizia che gli ‘Imperatori’ starebbero programmando una reunion in vista del festival Wacken Open Air 2014. La set-list dello spettacolo sarà improntata sulla tracklist del primo disco ‘In the Nightside Eclipse’. Gli Emperor sono considerati tra gli iniziatori del symphonic black metal. La loro musica si ispira ai gruppi seminali del Black metal norvegese (soprattutto Mayhem e Darkthrone), conservandone la violenza ma aggiungendo alle tipiche sonorità grezze del genere tastiere e sintetizzatori. Creando così arie sinfoniche, epiche e progressive. Hanno influenzato diversi gruppi musicali del panorama metal estremo mondiale, tra cui i norvegesi Dimmu Borgir, gli inglesi Cradle of Filth, tra i nomi più famosi di questo sottogenere del black metal. Un ascolto è d’uopo!

  1. Non c'è ancora nessun commento.
  1. No trackbacks yet.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: