Home > segnalazioni > Out segnala… il Poetry Slam sul blog de “I Discutibili”

Out segnala… il Poetry Slam sul blog de “I Discutibili”

di Francesco Vitellini

C’è vita là fuori

Oggi tutto è veloce e anche la letteratura non fa eccezione. Basta scorrere una classifica dei libri più venduti e si noterà che ai primi posti ci sono romanzi senza alcuno spessore intellettuale, scritti in una prosa da primo superiore e che, una volta letti, non arricchiscono il lettore, anzi, al contrario, gli alleggeriscono solo le tasche. Alla fine di un libro simile il lettore si sente in pace con se stesso perché ha perfettamente compreso tutto e, quindi, ha raggiunto la sua dose di autocompiacimento. Non è importante che per assecondare il suo complesso del Messia non sia stato stimolato alla riflessione ed alla comprensione, o ad una lettura attenta. Al contrario, gli viene presentato un prodotto creato direttamente ad un livello così basso da non richiedere particolari capacità cognitive per essere compreso.

Laura_e_PetrarcaPSpesso mi è stato chiesto perché perdo il mio tempo a scrivere poesie usando metri e forme desuete (o, meglio, “antiquate”, carico di sarcasmo e spesso accompagnato da un sorriso di sufficienza). Per quanto capisca bene che nella società dei biglietti da visita, in cui tutto deve essere 2.0, la mia scelta possa apparire anacronistica, si tratta, tuttavia, di una scelta consapevole. Infatti, non mi sono mai aspettato un grande successo per i miei scritti, troppo difficili (ma nemmeno tanto) per persone abituate a leggere, quando lo fanno, al massimo due o tre libri l’anno, e sempre libri che non darei da mangiare nemmeno al mio cane, se ne avessi uno. Sta di fatto che quando compongo un sonetto io sto creando qualcosa che contiene equilibrio, che ha un senso, e che non lascia indifferente chi si prende il disturbo di leggerlo. Purtroppo, però, anche l’idea stessa di poesia è ormai completamente stravolta, grazie e per colpa della rete, che ci ha resi tutti in grado di rendere pubblici i nostri scritti. Dicono che in Italia ci siano più scrittori che lettori, e così è, o lo sta diventando.

Immaginate la mia grande sorpresa e l’enorme soddisfazione quando, due giorni fa, ho scoperto di non essere isolato nella mia ricerca di equilibrio, bellezza e perfezione metrica. Ho cominciato per gioco a commentare un post con un doppio sonetto ed uno degli autori ha risposto a tono, e con lo stesso livello di ricercatezza stilistica.

Per darvi un’idea posto qui il link all’articolo che ne è nato, invitandovi, allo stesso tempo, anche a visitare gli altri articoli, puntuali ed interessanti.

http://discutibili.com/2013/09/05/duetto-in-rima/

  1. Francesco Vitellini
    settembre 8, 2013 alle 4:08 pm

    Reblogged this on Strinature di saggezza.

  2. Franciscus wm
    settembre 8, 2013 alle 4:34 pm

    W le tenzoni poetiche!

  3. settembre 8, 2013 alle 5:25 pm

    Viva chi ha voglia di studiare e sperimentare forme desuete, chi non si ferma al solo impulso emotivo per mettere parole in fila.
    Leggere la sfida alle volte è stato complesso, ma il seguirne lo sviluppo è stato stimolante e formativo.

  1. No trackbacks yet.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: