Home > Musica > Rrröööaaarrr: In Flames / At the Gates

Rrröööaaarrr: In Flames / At the Gates

by DOOM

in_flames_hd_wallpaper-852x480Gli In Flames sono una band metal svedese. Nata nel 1990 per volere del tastierista/batterista/chitarrista Jesper Strömblad, ex Ceremonial Oath, che lasciò nel 1991. Jesper, decide di muoversi verso sonorità diverse e innovative lontane dal classico metallo estremo. Per la dar vita alla nuova band, recluta il chitarrista Glenn Ljungström e il bassista Johan Larsson creando quello che sarà il nucleo portante della band nella prima parte della carriera. Nel 1994 Il terzetto pubblica il debutto ‘Lunar Strain’ per la minuscola Wrong Again Records, lavoro che unisce il death metal scandinavo primordiale al folk caratteristico di quelle regioni, ad alcune sfuriate veloci vicine al black metal condito il tutto con una grande quantità di linee melodiche. Questo nuovo filone musicale inaugurato dagli In Flames, viene battezzato dalla critica ‘melodic death metal’.

Dopo l’EP ‘Subterranean’, pubblicato nello stesso anno, nel 1995 esce il disco che ancora oggi viene considerato il migliore della band, ‘The Jester Race’. Il disco è un originale punto di incontro fra la melodia, l’attitudine, il feeling delle band heavy metal britanniche, la rabbia ed il canto growlato del cosiddetto melodic death metal. Questo nuovo capitolo sonoro spalanca le porte del successo europeo alla band che, nel frattempo, ha ingaggiato il cantante Anders Fridén e il batterista Björn Gelotte. Dopo il mini-CD ‘Black-Ash Inheritance’ esce il terzo album, il celebrato ‘Whoracle’, nel quale si accentuano ancora di più le influenze degli anni ottanta (Iron Maiden in primis). Dopo gli ennesimi avvicendamenti all’interno della band esce nel 1999 ‘Colony’, lavoro melodico e potente. Per molti addetti ai lavori, ‘Colony’, è un album di transizione non riuscito completamente; è comunque l’album più redditizio degli In Flames che consente alla band di imbarcarsi in un tour mondiale. ‘Clayman’, viene pubblicato nel 2000. Album sempre fondato sul metal classico ma che sperimenta alcune soluzioni più armoniche ed atmosferiche tendenti a rendere più varie le canzoni; ma a causa della maggiore orecchiabilità viene ignorato dai fan più intransigenti della band.

Reroute to Remain del 2002 rappresenta una svolta verso sonorità “americane”, ricche di groove e contaminate dalla scena metal alternativa americana, svolta che fa storcere il naso agli ammiratori del band detrattori di questo tipo sonorità (Nu Metal e Metalcore). Soundtrack to Your Escape’ del 2004, è ideale prosecuzione del nuovo corso, ma per alcuni versi ancora più diverso del precedente. Nel 2006 esce ‘Come Clarity’ nel quale si colgono l’enorme ispirazione per il genere “metalcore” americano, da cui deriva la grande pesantezza unita ad una melodia potente ed emotiva. L’album viene definito il Colony’ dei nuovi In Flames, accolto con tiepido entusiasmo dai fans della prima ora. Nell’aprile 2008 esce il nono album intitolato ‘A Sense of Purpose’. Quest’ultimo lavoro è sulla falsa riga dello stile Come Clarity, con minestre Swedish Death ben servite e scream piuttosto potenti, ma non tralascia chiare ed evidenti innovazioni e riporta alla luce, a tratti, il growl riposto in archivio negli ultimi lavori in studio.

Il decimo album ‘Sounds of a Playground Fading’, viene pubblicato nel 2011. Il disco è la prosecuzione di ‘A Sense Of Purpose’ ed elimina definitivamente il sound degli esordi muovendosi verso una sperimentazione molto marcata. La conferma dell’addio alle sonorità melodeath è data dal pezzo ‘Jester’s Door’, che sancisce l’abbandono definitivo del melodeath. In quest’album Fridén abbandona quasi totalmente scream e growl dando la preferenza a un registro vocale molto più sviluppato, usando solo la sua voce pulita, sporcata occasionalmente dal suo timbro vocale, che sembra aver raggiunto uno stile molto personale.

La band è considerata tra i pionieri storici del gothenburg sound, assieme ai Dark Tranquillity ed At the Gates.

Photo_At_The_Gates

Gli At the Gates vengono fondati 1990, dopo lo scioglimento dei Grotesque. La band combina la velocità ritmica e martellante del thrash metal con la violenza del death metal di scuola americana e svedese ed un certo nichilismo derivato dal black metal e la rabbia del hardcore con un approccio più melodico tipico delle band scandinave, creando un sound unico per l’underground dell’epoca. Il loro disco più famoso, ‘Slaughter of the Soul’, che viene pubblicato nel 1995, ma tutta la loro discografia è considerata importantissima: The Red in the Sky Is Ours’ 1992, ‘With Fear I Kiss the Burning Darkness’ 1993e ‘Terminal Spirit Disease’ 1994.At The Gates si sciolgono nel 1996. La band si è riformata nel 2008 per partecipare ai principali festival estivi europei.

Nel prossimo capitolo vi racconteremo dei Dark Tranquillity.

  1. Non c'è ancora nessun commento.
  1. No trackbacks yet.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: