Home > Musica, Recensioni > Recensione: Suffocation, ‘Pinnacle Of Bedlam’ + Immolation, ‘Kingdom Of Conspiracy’

Recensione: Suffocation, ‘Pinnacle Of Bedlam’ + Immolation, ‘Kingdom Of Conspiracy’

by DOOM

suffocation2013SUFFOCATION: ‘Pinnacle Of Bedlam’

Genere: Technical Death Metal
Etichetta: Nuclear Blast
Anno: 2013

Dopo il buon ‘Blood Oath’ del 2009 che esibiva il lato più moderno e pulito del sound dei Suffocation, con questo nuovo ‘Pinnacle Of Bedlam’ targato 2013, la band reintroduce una più robusta dose di brutalità e velocità, ma assorbendo allo stesso tempo le trame intricate e suoni taglienti vicini al techno-thrash del disco precedente.
Il questo lavoro dietro alla batteria siede
Dave Culross (ex Malevolent Creation e già parte degli stessi Suffocation nel 1998), che sostituisce lo storico batterista della band Mike Smith.
Spaventa la semplicità con cui i
Suffocation fabbricano strutture articolate e complesse però senza mai perdere di vista un minimo di orecchiabilità e la giusta scorrevolezza dei singoli brani. Da segnalare la bellissima “As Grace Descends” e le più brutali ‘Sullen Days’ e ‘My Demise’ pezzi che non lasciano letteralmente il tempo di introdursi nell’architettura sonora a causa dei continui campi di tempo. Da segnalare anche la stupenda ‘Eminenth Wrath’, che si apre con sequenze di assoli puro shredder per condurre alla primitiva potenza dell’ american death metal vecchia maniera, è tra i brani che più coinvolgono fin dall’inizio, ma la qualità maggiore di ‘Pinnacle Of Bedlam’ è nella sua longevità, garantita dalle tante tonalità che compongono le song e che affiorano con tutta la loro importanza solo dopo qualche giro in più nello stereo.

Un disco eccezionale.

Più info su: www.metal-archives.com.

 ___________________________________________

immolation2013IMMOLATION, ‘Kingdom Of Conspiracy’
Genere: Death Metal
Etichetta: Nuclear Blast
Anno: 2013

Sono passati tre anni dall’ottimo ‘Majesty And Decay’ e gli Immolation ritornano con il nuovissimo ‘Kingdom Of Conspiracy’ con questo lavoro la band sceglie di fare un passo indietro e cancella anche la pur minima tentazione di ‘rinnovare il sound’ che caratterizzava il precedente lavoro, per tornare al più classico suono death metal, insaccando i pezzi dei consueti decelerazioni, cambi di ritmo e tempi dissonanti (vero marchio di fabbrica!).
Il disco contiene molte canzoni valide come
‘Kingdom Of Conspiracy’,‘Indoctrinate’, ‘God Complex’, ‘Bound To Order’, ‘Keep The Silence’ e la epica e la più melodica ‘The Great Sleep’.
Disco di non facile digeribilità bisogna però essere molto affezionati alla band per aver la tranquillità di andarsi a cogliere le sfumature dei singoli brani.

Un buon disco, curato e prodotto con mestiere.

Per maggiori informazione sulla band consulta sempre il sito: www.metal-archives.com.

 

  1. Non c'è ancora nessun commento.
  1. No trackbacks yet.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: