Home > Recensioni > Recensione: ‘O Rom – Vacanze Romanes

Recensione: ‘O Rom – Vacanze Romanes

di Gustavo Tagliaferri

VacanzeRomanes_CoverSu una differente lunghezza d’onda rispetto alle esperienze multietniche dell’Orchestra Di Piazza Vittorio, in quel della Campania si incontrano abitanti del napoletano e della sua zona nomade, Rom, non a caso.
Un contatto simile presagisce la nascita di ‘O Rom, che con questo “Vacanze Romanes” propone musiche, per certi versi, internazionali, che hanno fatto il giro tanto della musica quanto anche del cinema, da strada a strada. Impossibile quindi non immaginare con piacere dei danzatori muoversi al suono del violino di “Kerta Mange Daje”, della fisarmonica di “Tutti Frutti” e di un'”Erdelezi” già cara a musicisti come Daniele Sepe, così come “Opa Tsupa” (leggasi Brigada Internazionale), qui in una chiave tradizionale.
C’è anche spazio per altri mondi, come nelle due strumentali “Kalushua” e “Ciocarlia”, dritte dritte dalla Romania, del coro trionfale in chiave greco-salentino “Kalinifta” e persino della Russia che emerge quando finiscono le danze, al suono di “Solnuska”, con un Carmine D’Aniello che regge bene il gioco. Pur con qualche caduta di stile (“Geljan Dade”), il risultato è un disco molto buono, che si lega egregiamente a quelle che sono le attività di commercio equo e solidale.

  1. Non c'è ancora nessun commento.
  1. No trackbacks yet.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: