Home > Musica, Recensioni > Recensione: Vernon Sélavy, “Stressed Desserts Blues” (2012)

Recensione: Vernon Sélavy, “Stressed Desserts Blues” (2012)

Un blues che profuma di lievi tropici e brezze di divertita malinconia. Ci avviciniamo con i migliori propositi e i sentimenti aguzzi di curiosità al disco di Vernon Selavy, al secolo il cantautore Vincenzo Marando, di cui avevamo ascoltato uno splendido EP sempre edito da Shit Music for Shit People. Felici d’esser melma e di poter essere destinatari di nuova musica melmosa della label sardo-lusitana, aspettiamo di essere stupiti di nuovo e consci che più grandi sono le altezze delle attese, più rovinosi saranno i tonfi della delusione.
E il disco non tradisce: “Stressed Desserts Blues” tomwaitseggia lieve per la stanza, non riuscendo a restare contenuto dalle cuffie nuove, richiedendo la danza, il piede che batte (“When we two parted”, “Shoes of the dead”), si sfilaccia e si riannoda in belle ballate (“Ballad of Empty Hands”, “The way it goes”) per poi chiudere con un finale davvero coi botti (la migliore traccia dell’album (“All sinners burn”).
Shit Music antifrasticamente continua a proporci ricerca sonora, cantautori interessanti, musica che rifiuta le frontiere e trae linfa dalle mille radici del pop e del rock moderni, senza pensiero di farsi un’audience ma con la sola preoccupazione di donare piacere a chi ascolta. Cura, attenzione, divertimento: lunga vita a SM4SP!

Advertisements
  1. Non c'è ancora nessun commento.
  1. No trackbacks yet.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: