Home > Musica, Recensioni > Recensione: Pocket Chestnut, “Outness”

Recensione: Pocket Chestnut, “Outness”

Perché alcuni lo chiamano folk? Bastano una chitarra e qualche sfumatura di provincia, americana o italiana che sia per gridare al folk? E i Pocket Chestnut me li ritrovo proprio con questa etichetta appiccicata di sopra loro malgrado

Ricordo un concerto di Giovanni Lindo Ferretti insieme ad uno dei pochi grandi del folk italiano odierno (Ambrogio Sparagna, organettista) in cui si proclamava la morte di un genere che ormai non affonda in alcun tessuto popolare.
Tranne in poche sacche rurali dove ancora si fanno le “ruote” per suonare la taranta o i saltarelli, il folk è appannaggio del radicalscicchismo dei grandi festival che cerca le radici, pure, biologiche come lo yogurt delle botteghe alternative piene di fiori secchi e mobili in compensato finto massello, per poi tornare a chattare sull’iPad.
Mi devo rassegnare a un folk senza folks, musica popolare senza il popolo.

Amare riflessioni mi hanno accompagnato nell’ascolto di una band questa band pavese, ma non certo per colpa loro: i Pocket Chestnut ci propongono il loro EP “Outness” (titolo quanto mai azzeccato per rivolgersi a noi 😛 ), quattro tracce acustiche di cantautorismo lo-fi sghembo che prova a indagare le pieghe della dissonanza affidandosi a una chitarra dalle armonie antifrasticamente limpide e da una voce più vicina ai grandi cantautori anglosassoni (alla Nick Drake o alla Tim Buckley) che alle ruvidezze del folk europeo. Particolarmente degna di nota il quarto pezzo, “Such a life”, che aggiunge sfumature di delicata psichedelia ad un tessuto armonico semplice e diretto.
Un gruppo da tenere d’occhio i Pocket Chestnut, che sfornano un Ep di buon livello, figlio di una visione scanzonata e divertita delle cose di musica.

Ma per carità, critici veri, non chiamatelo folk.

Links delle Castagne

pocketchestnut.bandcamp.com
www.myspace.com/pocketchestnut

Advertisements
  1. settembre 24, 2012 alle 6:10 pm

    complimenti bella rece max sannella

    • Franciscus wm
      settembre 24, 2012 alle 7:53 pm

      grazie, continua a seguirci 😉

  1. No trackbacks yet.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: