Home > Musica > Betty Poison Japan Tour (6) – Le mille luci di Shibuya e Shinjuku, yakitori e il crocifisso-souvenir

Betty Poison Japan Tour (6) – Le mille luci di Shibuya e Shinjuku, yakitori e il crocifisso-souvenir

Betty Poison Japan Tour (6) –
Le mille luci di Shibuya e Shinjuku, yakitori e il crocifisso-souvenir

di Lucia Rehab

Puntate precedenti: Prima, Seconda, Terza, Quarta, Quinta.

Day off. Ce ne andiamo a Shibuya e a Shinjuku e osservo tutto quello che abbiamo intorno. Peraltro incontro il transessuale più bello che abbia mai visto, una donna stupenda con appena qualcosa di maschile nello sguardo e un’aria vagamente truce che trovo meravigliosa. Tante anche le nonnine curve e fragilissime, le pettinature sagomate, le calze sopra il ginocchio, i lavoratori distrutti che si addormentano pesantemente in treno o in metro e che vediamo persino addormentarsi mentre camminano e andare a sbattere contro i muri. È palese che lavorino in modo indefesso. In entrambi i quartieri si alternano case da gioco, megastore di elettronica, ristoranti di ogni tipo, outlet europei e americani. Mia ed Annika dei Pandora’s Bliss cercano invano un abito “tipico” per la loro madre ed io sono felice di aver comprato il servizio da sakè per i miei in uno dei negozietti della Nakamise, a ridosso del tempio Sensoji.

Al ritorno chiacchieriamo ancora del più e del meno con Uchida e mangiando dei saporitissimi spiedini di pollo chiamati “yaki tori” parliamo della pratica della cremazione, che in Giappone è la regola e che Uchida lega a un’epidemia di colera avvenuta più di 2000 anni fa. Mi dice anche che nei cimiteri ci sono solo le urne e che le ceneri di alcuni sono inviate a pagamento nei templi in modo che i sacerdoti possano coinvolgerle nei loro riti. Parliamo anche dell’imbalsamazione dei monaci buddisti, della “Soka Gakkai” e in generale delle istituzioni religiose come fenomeno strutturato e politico e alla fine scopriamo con divertimento che il grosso crocifisso appeso in bella vista sul muro di Uchida, ateo e materialista, sebbene in senso molto giapponese, è un semplice souvenir portato dall’Italia, in pratica l’equivalente di tutti quegli oggetti orientali che alle nostre latitudini percepiamo come esotici. Vado a dormire piena di informazioni, con un paio di nuove frasi da memorizzare e con un libro della Fallaci che Ale Luminal mi ha prestato prima di partire, “Intervista con il potere”, aperto al capitolo “Ayatollah Khomeini”…

  1. maggio 20, 2012 alle 7:44 pm

    gentile redazione di blog-out,faccio appello a tutta la vostra sensibilita’ per denunciare,tramite voi,l’indicibile vergogna che si continua a perpetuare in nome di quell’olocausto pseudo-scientifico chiamato vivisezione! una realta’ che continua da molto,troppo tempo,e che in italia prende il nome di greenhill.un lager dove una multinazionale continua ad abusare dei nostri amici a 2 o 4 zampe,sottoponendoli a torture dolorose e spietate,in nome del bieco profitto!per favore,diramate appelli contro cio’!grazie di cuore!!

  2. Franciscus wm
    maggio 20, 2012 alle 10:01 pm

    Ciao,
    della vicenda green hill e del problema siamo consci e non certo insensibili. Vorremmo però immaginare come poter scrivere di questo tema senza una preparazione adeguata per sensibilizzare l’opinione pubblica a spingere verso una ricerca scientifica che faccia a meno della vivisezione. Chiediamo a chi, persona preparata in campo medico, giornalistico o altro, di inviare un breve articolo che ci permetta di comprendere e rilanci il messaggio in favore di una ricerca che non infligga dolore.

    Altrimenti mettiamo una foto di impatto, un proclama che tocchi i cuori e ce la sbrighiamo noi in 5 minuti. Senza aver capito, senza aver fatto capire.

  1. No trackbacks yet.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: