Home > Intervista > Out Intervista… i Caronte

Out Intervista… i Caronte

Le Jam, il malessere, la riscossa della poesia
Intervista ai CARONTE – by Francesca Paolini

Out. “Caronte” è un progetto che ha solamente un anno. Come nasce la band? Avevate esperienze precedenti in altri gruppi? Come vi siete ritrovati a suonare insieme? Raccontatevi…
Duilio. I Caronte nascono dall’esigenza di esprimersi suonando. Si tutti avevano esperienze precedenti in altri gruppi eccetto me, questo è il gruppo con il quale sono nato. Per fortuna ci siamo trovati molto bene, abbiamo iniziato facendo jam e ci siamo resi conto di essere molto in sintonia e dalle improvvisazioni iniziavano a nascere i primi brani fino ad arrivare a questi nove brani presenti nell’album di debutto.
Malte. Per la prima volta ho trovato persone con cui c’è stata subito sintonia, le prime due prove hanno portato a jam fantastiche. Ore di improvvisazioni con una grande sintonia tra gli elementi. Si è subito instaurato un legame.
Daniele. Era una giornata afosa di febbraio. Grondavamo di sudore in balia del calore, quando ad un tratto un folletto ci apparve e disse: “Perché non fate un gruppo e provate a diventare famosi esprimendo i vostri pensieri musicalmente?” la risposta fu chiara. Così nacquero i Caronte iniziando a improvvisare in chiave funk, via via nacquero i primi brani.
Gianfranco. E’ come se questa band dovesse nascere da tempo per ognuno di noi, veniamo tutti da gruppi diversi, con varie esperienze nel mondo musicale. Io ascoltai le prime registrazioni della band (inizialmente era una band strumentale), mi piacquero e così mi presentai alle prove… ed eccoci qua!

O. Come mai avete scelto “Caronte” come nome?
Caronte. Ci piace pensare che, come Caronte trasportava solo le anime che erano state “preparate” al viaggio che le attendeva, il nome della nostra band stia a significare il viaggio che solo la musica può offrire in questi tempi bui. La differenza sta che il viaggio che vorremo far fare con la nostra musica è inverso a quello che si affrontava sull’Acheronte: dall’inferno della vita alla pace, vita della musica. (E fa rima con rinoceronte).

O. Parlateci di questo nuovo album, “Red, Blue and Green” album d’esordio prodotto da PogoSelvaggio! Records.
C. “Red, Blue and Green” è un album del quale non riusciamo a dare un genere ed etichettarlo, ci sono chiare influenze funk, rock e anche metal volendo, tutto nato spontaneamente. Dopo tempo passato a ridefinire ogni singolo brano (circa 5 mesi pieni di lavoro per comporre l’album) abbiamo deciso di entrare in studio per registrarlo, con l’esigenza di dire la nostra e farci sentire musicalmente parlando. Fortunatamente abbiamo subito trovato appoggio dalla Pogoselvaggio! Records di Giuseppe Perrucca, che, pubblicherà l’album (in vendita dall’1 agosto 2012), e lo ringraziamo immensamente per ciò.

O. Quali sono i vostri riferimenti musicali?
Duilio. Veniamo fondamentalmente da generi musicali molto diversi, parlando per me, sono un patito dell’alternative rock, del progressive e dello sperimentale, i gruppi che prediligo sono i Radiohead e i King Crimson.
Malte. Ascolto quasi tutta la musica tranne alcuni generi metal. Prediligo funky, funk-rock e fusion.
Gianfranco. I generi che preferisco son il new wave, il pop rock, il metal, il progressive e l’hard rock. Come gruppi potrei menzionare i Duran Duran, Deep Purple, Dream Theater, Suede e i Led Zeppelin.
Daniele. Ascolto un po’ di tutto dall’hard rock al jazz, dal prog al blues, non ho dei generi e gruppi su cui mi soffermo principalmente, anche se rifiuto alcuni tipi di metal.

O. Come mai avete scelto di cantare in inglese?
Gianfranco. Questa è stata una mia decisione, preferisco l’inglese per esprimermi e ad essere sinceri, cantare in italiano non mi va molto a genio.

O. I testi (scritti da Duilio Scalici) sono molto intensi, molto cupi: si parla di vita dopo la morte, di speranza come unica salvezza, di ipocrisia e di gratuità del male. Come mai ti sei voluto concentrare su tematiche così profonde e tristi?
Duilio. I testi nascono sopratutto da esperienze poco piacevoli che stimolavano la mia ispirazione, infatti ogni volta che esco da una brutta esperienza mi sfogo scrivendo (in questo caso) o dipingendo. Purtroppo il malessere mi riempe d’ispirazione. Inoltre in alcuni testi faccio riferimento a dei grandi scrittori italiani che hanno contagiato il mio stile, quali Luigi Pirandello (in Living in Lies) e Giacomo Leopardi (in The Elderly and the Wall).

O. Chi ha curato l’artwork del disco? Cosa vuole rappresentare la copertina?
Caronte. La copertina è opera del grande artista simbolista Odilon Redon (1840 – 1916), abbiamo scelto quest’opera perché rappresenta appieno i temi principali dell’album.

O. Non vi chiedo chi curerà la regia del video… sarai tu, Duilio, immagino…
Duilio. Si sarò io, faremo uscire vari singoli/videoclip estratti dall’album.

O. Quali sono i progetti della band, post uscita dell’album? Prevedete un tour di presentazione?
Caronte. Dopo l’uscita del disco “fisico”, prevediamo un mini-tour in Italia, le tappe dovrebbero essere Palermo, Catania, Roma, Pesaro, Pisa e Milano. Nel mentre ogni volta che ci riuniamo in sala prove per riprodurre il più perfettamente possibile il nostro repertorio, iniziano a nascere nuovi suoni. Inoltre, dopo l’uscita del disco fisico uscirà un ep di remix in download gratuito dal sito dell’etichetta, i remix sono a cura di Enrico Mereu, aka Klimt Westwood, a nostro parere un giovane talento italiano.

EDIT.

Di seguito il primo estratto dall’album, “The Elderly and the Wall”.

  1. Franciscus wm
    febbraio 7, 2012 alle 2:07 pm

    Aspetto di ascoltarli per giudicare, ma già il nome molto Prog anni ’70 e la splendida copertina del disco mi fanno ben sperare

  2. Franciscus wm
    febbraio 7, 2012 alle 9:48 pm

    Molto Iron Maiden, mi piace! integro nel post…

  3. caronte
    febbraio 7, 2012 alle 10:35 pm

    grande! grazie! 🙂

  1. No trackbacks yet.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: