Home > Traduzioni > Crazy Diamonds – Feel, Syd Barrett

Crazy Diamonds – Feel, Syd Barrett

Diamo per scontato che sappiate chi è Syd Barrett, anche se ormai nessuno ha tempo di seguire la sua voce deformata dalla follia, la sua chitarra non sempre a tempo e suonata a mo’ di grattugia, i testi in un inglese troppo spesso difficile.

Il fondatore dei Pink Floyd visse artisticamente tre anni fino al 1970, per poi di botto sparire, facendo in tempo a editare due album pieni di melodie sghembe, di suoni di una psichedelia profonda e avvolgente grazie a un parterre di musicisti mostruoso (elementi dei Pink Floyd e dei Soft Machine).

La mia preferita è stata da sempre “Feel”, tratta da “The Madclap Madcap laughs”, dal testo non privo di ambiguità e volutamente ermetico, con una visione di una donna presso un ponte, una folla che la segue osannandola e proclamandole il suo strano amore, fino a una scena che forse allude a un suicidio, con un grido strozzato e una campana che suona, pare a lutto. Su tutti, lui, il poeta, che forse ricorda, ma ancora ama.

Provo una traduzione lacunosa (qui per il testo in inglese), che spero verrà integrata da qualcuno che l’inglese lo mastichi meglio di me.

FEEL – Syd Barrett

Tu mi senti
lontano, troppo vuoto, oh così solo.

Voglio andare a casa
e ritrovarmi in un notturno.
“O dama bionda”, essi gemono,
“come amo che tu stia al mio fianco”
la folla al suo fianco…
ella vagava sul ponte presso l’acqua.

Ella perde il suo passo…
lontano, testardo crebbe un prato
a parte in una piccola valle.
“Dentro un occhio sii tu colei che è sola, o mia sposa”.
Essi si agitano:
come ch’io vivo sulla ruota che dondola.
Un grido strozzato
una malvagia campana che suona
l’angelo, la figlia.

Annunci
  1. sil*
    ottobre 15, 2010 alle 7:38 pm

    :P* e adesso posso dire di conoscerlo!

  2. WebmasterMascherato
    ottobre 15, 2010 alle 7:41 pm

    :*

  3. Rox
    ottobre 16, 2010 alle 6:13 pm

    oh beh, ma allora stai proprio in fissa…

    madCAP e non CLAP.

    The madcap laughs. Le risate del matto.

    L’arcano è tutto qui

    Inutile cercare significati che non esistono

    Nella testa del matto nulla è come sembra

    • WebmasterMascherato
      ottobre 17, 2010 alle 9:32 am

      grazie Rox, correggo subito
      eppure, sarà l’abitudine alla filologia, ma delle logiche testuali ci sono

      il pezzo sembra slegato. sfilacciato
      eppure ha una struttura strofica perfetta,
      ha un uso di assonanze e allitterazioni abilissimo
      l’uso di anafore e poliptoti “side/side/aside”

      a livello di significati, perlopiù ti do ragione, ma secondo me c’è un antecedente letterario, che uno come lui non doveva ignorare, cioè “la donna dei giacinti” in “The Wasteland” di Elliot, altra scena sull’acqua, potente, metaforica ed ellittica storia di amore e morte.
      Il metodo di scrittura pare quello di una filastrocca enigmatica, quasi di scrittura automatica, con “crowd” che genera “crawl”, “wail” che suggerisce il “waddling wheel”: non credo sia puro frutto di nonsense.
      Poi la verità la sa solo lui (r.i.p)

      grazie mille e se hai dei suggerimenti di traduzione, sono bene accetti (tipo, perche “straggle” pare transitivo? “Inside an eye” è una frase idiomatica?)

  4. rox
    ottobre 18, 2010 alle 8:56 pm

    Kettedevodì: dinanzi cotanta cultura stilistica mi tolgo tanto di cappello e taccio …’tacci!

    Ma la fanciulla dei giacinti potrebbe essere anche Ofelia e Eliot potrebbe essere rimpiazzato da Shakespeare, Melville, Poussin, Coleridge, persino il nostro caro vecchio Fogazzaro. Il tema della morte per acqua è assai noto e inflazionato in letteratura ( ma perchè poi ci vedi questa immagine di morte nel testo?)
    Comunque, io penso che fondamentalmente alla base di tutto – musica e testi del Madcap laughs – ci sia una destrutturizzazione ( se dice così?). Barret scardina note e parole e propone una non melodia e un non testo comprensibile a pochi eletti ( Gilmour che glielo ha prodotto…grande prova di amicizia!) e incomprensibile ai più.

    La translation? Te la feci anni orsono, ma, forse non te lo ricordi

    Verbi transitivi? Passo

    Inside an eye frase idiomatica? Direi di no

    An eye for an eye and a tooth for a tooth…questa è idiomatica. Iddio matico. Anche questo è destrutturare.

    Ok, mi spengo.

    Click.

  5. clà
    ottobre 19, 2010 alle 10:47 am

    voi due parlate un po’ difficile… io faccio subito click!

  6. WebmasterMascherato
    ottobre 19, 2010 alle 6:03 pm

    @Cla, fa finta che sragiono, sto bene, non preoccuparti 😄

    @Rox:
    Ricordo che ne discutemmo, ma ho perso tutto ne Grande Distastro dell’HardDisk del 2007, uno sfacelo in cui ho smarrito un sacco di cose interessanti, comprese le cose create su indire, un sacco di musica e le traduzioni in cui mi dilettavo. Mo’ mi andava di riprenderle e ricostruire un po’ certe cose che non finiscono di interessarmi, tipo ‘sta canzone.

    Dato che mi hai dato un sacco di spunti, se non ti annoia, mi ci arrovello su.
    Tempo fa la pensavo proprio come te: questo è sbulonato, sta già nei suoi paradisi artificiali, che sto a cercare di capire a fare? Mo’, invece, sono completamente d’accordo a metà: sbulonato per sbulonato, c’aveva ragione Gilmour, questo è un genio.

    mi spiego

    le strofe sono per-fet-te! dal punto di vista della metrica, dei richiami testuali (Wail/flail), dalle rime assonanze poste lontane in risonanza simpatica (Water/daughter).
    I motivi testuali ho il sospetto non vengano piazzati a caso.
    Tipo, la morte nell’acqua (per me suggerita dal rantolo, dalla campana malvagia (a morte?), dall’angelo. Il motivo di Ofelia (giusto!) e Eliot sono retroterra di letture poetiche che musicisti eruditi come lui conoscevano bene (pensa che Peter Gabriel e i Genesis parafrasano Wordsworth “I wandered lonely as a cloud”(1) e usano Eliot e/o Ovidio in un paio di occasioni (2)). Pensavo perciò a una suggestione eliotiana, non necessariamente esplicita, forse solo un riverbero delle tante letture sul tema.
    Il testo è durissimo, ermetico, uno dei suoi testi più difficili, ma ho l’impressione abbia sue logiche che lo rendono un grande testo poetico, figlio di una grande letteratura e del talento di un poeta troppo presto persosi nei meandri della follia.

    Grazie mille per i suggerimenti ^^ e x la pazienza 😀

    (1) Nella splendida “The Colony of Slippermen” in The Lamb Lies Down on Broadway
    (2) tipo in “The Cinema Show” in Selling England by the Pound

  7. rox
    ottobre 23, 2010 alle 7:29 pm

    La tua analisi non fa una piega.

    Fondamentalmente penso che questo testo ti attrae perchè dentro c’è qualcosa che ti appartiene.

  8. WebmasterMascherato
    ottobre 23, 2010 alle 8:12 pm

    eh me sa dde sì 😄

  9. rox
    ottobre 23, 2010 alle 8:15 pm

    😉

  1. dicembre 11, 2010 alle 7:54 pm

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: