Home > Uncategorized > “F for FAKE” a Schio Comics

“F for FAKE” a Schio Comics

Riceviamo e volentieri pubblichiamo un resoconto della rassegna fumettistica “Schio Comics” , ricca di eventi e sorprese, da parte di Claudia Piccolo, una delle disegnatrici più apprezzate nell’ultimo numero di Out Cartaceo, che abbiamo visto all’opera di recente anche su questo blog. Ciao Claudia, e posta più spesso!

Con questo post vorrei raccontarvi la mia esperienza con la rassegna SCHIO COMICS curata da Mauro Penzo nella elegante cornice di palazzo Fogazzaro, Schio (Vicenza), da poco conclusasi il 3 Ottobre e arrivata quest’anno alla sua terza edizione. Volevo catturare la vostra attenzione perchè ritengo che sia un’esempio positivo, un luogo dove il fumetto è il vero protagonista, diverso dalle solite “mostre mercato”, massimo risalto agli autori e ai loro lavori, poco mercato e divieto d’accesso ai cosplayLo scopo è quello di portare fra la gente la cultura del fumetto, e quest’anno penso che l’intento sia proprio riuscito facendo partecipare l’intera città ad un simparico concorso. Infatti nel breve fumetto, che ogni anno viene dato come omaggio d’entrata alla mostra,  sono stati inseriti quest’anno dei “falsi storici”, oggetto appunto del concorso.

La vicenda ambientata nel 1910 sceneggiata da Emanuele Apostolidis e disegnata da Davide Ceccon, Sara Isello, Piero Pierotti, Mark Donato, Marco Pasin e El-Hadji Sidy Ndiaye, narra dello scledense pioniere del volo Domenico Piccoli e dei suoi dirigibili Ausonia e Ausonia bis.

Il giorno successivo all’inaugurazione sono stati rivelati gli “errori” presenti nel fumetto e premiati i lettori-visitatori che li hanno smascherati con il tradizionale kit della manifestazione comprendente portfolio, cartoline, nonchè bottiglia di Cabernet o Vespaiolo della rinomata cantina di Breganze.

Alla fine della premiazione: colpo di scena! Di fronte al numeroso e stupito pubblico, nonchè alle autorità presenti, è stato proclamato che uno degli autori era falso!

 

La grande Silvia Ziche all'opera (fonte: internet)

 

L’autore “inventato” era il canadese Mark Donato, manifestatosi la sera precedente in videoconferenza da Toronto grazie ad una super WI-FI connessione da una camera vicina. Così, restando nel tema Disney (tema della mostra con l’esposizione di ben 130 tavole di Silvia Ziche e Alessandro Gottardo) si presenta la falsaria Melissa Zanella (la mia concittadina disegnatrice per Bonelli) nei panni di una appartenente alla banda Bassotti, tutto questo all’insaputa degli stessi “veri” disegnatori in mostra. Scrosci di applausi in sala.

Detto ciò se il prossimo anno verso fine Settembre inizi di Ottobre 2011 vi capita di passare dalle parti di Schio, fermatevi a Schio Comics, ne vale la pena!

Baci, baci, Claudia.

Claudia Piccolo

  1. clà
    ottobre 13, 2010 alle 10:44 pm

    quanto mi mancano le mostre/fiere di fumetto…

  1. No trackbacks yet.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: