Home > Uncategorized > Voci su Outbook – Recensione di Serena Sbrana

Voci su Outbook – Recensione di Serena Sbrana

Non sono brava nel recensire, “mi garba perchè mi garba” puntualizzo spesso.
Basterebbe anche per questo libro OUT che se lo sfogli ci trovi pure un mio racconto… Risultato di un concorso letterario, mi dicono hai vinto, il tuo racconto (che non era nato come tale) sarà pubblicato come gli altri vincitori, come vincitore! Non ci credo, è vero, grazie al modo di fare/essere OUT non ho avvertito nessun fastidio da concorso letterario…

La copertina, l’avevo già vista ma ora è vera non più virtuale, è proprio bella, quel cuore gioiello
tenuto fermo (momentaneamente) con un pezzo di nastro adesivo opaco (magari anche piacevole al tatto) la dice lunga sui sentimenti; mi piacciono le sfumature, i bagliori delle screziature, mi piace anche il titolo, sarò monotona?! La piccola stazza, appena uscito dalla busta, ha deluso anche me… poi ho pensato ai libri che attualmente sono i miei compagni di strada o lo sono stati ma che son rimasti nel mio scaffale interiore. Hanno più o meno la stessa dimensione eppure… sono dei grandi libri (che so…”Città senza cultura” di Campos Venuti o “il libro degli animali” di Rigoni Stern)!

Fa piacere sentir parlare di Nuova Resistenza e le leggere la Prefazione Out, non solo per il contentuto ma anche per la forma… e i racconti… la curiosità mi porta a saltare da uno e l’altro, mi fa strano sfogliare una creatura out e non trovarla traboccante di disegni, ma poi mi dico: questa è uscita da un editore vero e di questo si parlava pochi giorni fa in un incontro Anpi… affiancarsi al sistema, sfruttandolo per avere spazi e mezzi illuminati dal sole pur
continuando il percorso intrapreso nel “sottosuolo”, senza svendersi e continuando ad essere “credibili”, a realizzare quello che si promette, e …ci siete riusciti! Poi mi sono data un minimo di impostazione da lettrice e ho iniziato dal primo e sono arrivata all’ultimo,credo che mi porterò dietro per un pezzo questo libro, le dimensioni sono quelle giuste e, mi è caduto anche
una volta: nemmeno un graffio!

  1. cla
    luglio 14, 2010 alle 1:26 pm

    effettivamente l’assenza di disegnetti fa molto libro e poco out… vabbè, abbiam provato a fare i “seri”!
    la grafica-out comunque rimane viva in copertina (e in IV di copertina, e in costa, e…)
    ehi, ci è pure scappato un libro anti-graffio!
    da domani passiamo a fare i vetri…

  2. WebmasterMascherato
    luglio 14, 2010 alle 2:55 pm

    è vero, la carta della copertina è deliziosa!

  3. dicembre 19, 2010 alle 11:12 pm

    Ciao Serena, spero tu stia bene…
    Innanzitutto ti faccio i complimenti per la poesia apparsa sull’ultimo “Out”, un buon lavoro, bella catena d’immagini.

    Sistemato Cattaneo, volevo dirti che secondo me “fare resistenza” non è questione di andare in montagna o associarsi all’A.N.P.I. (anche se certe frequentazioni possono fare solo del gran bene): contro un regime che si basa sul consenso ricevuto facendo leva sull’ignoranza e la stolidità della maggioranza, qualsiasi operazione culturale (e di vita) condotta fuori dalle regole imperanti è “Resistenza”.

    Ogni operazione fuori dalle regole del mercato, ogni rivista di qualità che (come “Out”) viene tenuta in piedi per più di dieci anni senza compromessi; la scelta di vivere senza televisore, facendo affidamento sulle risorse naturali della propria zona (e incentivandole), rispettare i nostri simili, la biodiversità del luogo… Tutti questi sono “atti di resistenza”, che mantengono ad un livello almeno accettabile la qualità della vita che viviamo, contro quanti abbassano qualsiasi cosa a livello di merce.

    E ringraziamo che è ancora possibile (anche se sempre più difficile, come dimostra proprio oggi l’ultima uscita di Gasparri) usare metodi legali.

    Ad ogni modo – scusandomi anche con te per l’enorme ritardo con cui mi faccio vivo – benvenuta nel coro… Se poi vuoi continuare la discussione, magari sfruttando l’e-m, ti rimando per quella al mio sito (www.seautos.it).

  1. No trackbacks yet.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: