Appena ricevuta. Buona lettura.

Berlusconi e i suoi sferrano il colpo definitivo alla libertà della rete internet per metterla sotto controllo. Ieri nel voto finale al Senato che ha approvato il cosiddetto pacchetto sicurezza (disegno di legge 733), tra gli altri provvedimenti scellerati come l´obbligo di denuncia per i medici dei pazienti che sono immigrati clandestini e la schedatura dei senta tetto, con un emendamento del senatore Gianpiero D´Alia (UDC), è stato introdotto l`articolo 50-bis, “Repressione di attività di apologia o istigazione a delinquere compiuta a mezzo internet”. Il testo la prossima settimana approderà alla Camera. E nel testo approdato alla Camera l´articolo è diventato il nr. 60. Anche se il senatore Gianpiero D´Alia (UDC) non fa parte della maggioranza al Governo, questo la dice lunga sulla trasversalità del disegno liberticida della “Casta” che non vuole scollarsi dal potere.
In pratica se un qualunque cittadino che magari scrive un blog dovesse invitare a disobbedire a una legge che ritiene ingiusta, i provider dovranno bloccarlo. Questo provvedimento può obbligare i provider a oscurare un sito ovunque si trovi, anche se all´estero. Il Ministro
dell´interno, in seguito a comunicazione dell´autorità giudiziaria, può disporre con proprio decreto l´interruzione della attività del blogger, ordinando ai fornitori di connettività alla rete internet di utilizzare gli appositi strumenti di filtraggio necessari a tal fine. L´attività
di filtraggio imposta dovrebbe avvenire entro il termine di 24 ore.
La violazione di tale obbligo comporta una sanzione amministrativa pecuniaria da euro 50.000 a euro 250.000 per i provider e il carcere per i blogger da 1 a 5 anni per l´istigazione a delinquere e per l´apologia di reato, da 6 mesi a 5 anni per l´istigazione alla disobbedienza delle leggi di ordine pubblico o all´odio fra le classi
sociali.

Immaginate come potrebbero essere ripuliti i motori di ricerca da tutti i link scomodi per la Casta con questa legge? Si stanno dotando delle armi per bloccare in Italia Facebook, Youtube, il blog
di Beppe Grillo e tutta l´informazione libera che viaggia in rete e che nel nostro Paese è ormai l´unica fonte informativa non censurata. Vi ricordo che il nostro è l´unico Paese al mondo, dove una media company, Mediaset, ha chiesto 500 milioni di risarcimento a YouTube. Vi
rendete conto? Quindi il Governo interviene per l´ennesima volta, in una materia che vede un´impresa del presidente del Consiglio in conflitto giudiziario e d´interessi.
Gli unici media che hanno fatto rimbalzare questa notizia sono stati Beppe Grillo dalle colonne
del suo blog e la rivista specializzata Punto Informatico (http://punto- informatico.it/ ).

Categorie:Uncategorized
  1. WebmasterMascherato
    giugno 7, 2009 alle 8:14 am

    legge liberticida e anticostituzionale: viola palesemente l’articolo 21

    eccone l’incipit

    “Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione.”

  2. rox
    giugno 7, 2009 alle 11:56 am

    Perchè secondo te a quelli frega qualcosa della Costituzione? Per loro è solo un problema da risolvere e prima o poi , se le cose non cambieranno, lo risolveranno.

  3. Dany
    giugno 7, 2009 alle 1:27 pm

    Questo governo mi spaventa. E non da adesso. E’ inamissibile che sia salito al potere un Berlusconi che è proprietario di tante reti tv (e quindi di essere colui in grado di poter manipolare le notizie). C’era una legge sul “conflitto di interessi”… ma è riuscito a salire al potere ugualmente (come?). Ci sono stati troppi Decreti Legge. Se non sbaglio quelli si facevano in tempi particolari, come vicino a una guerra o per una urgenza particolarissima. Adesso la cosa è all’ordine del giorno. Così si discute il meno possibile e l alegge va subito in vigore.
    Quest’ultima cosa che avete scritto è gravissima. Qui si limita, e di brutto, la libertà di espressione che è appunto una delle basi della nostra Costituzione. Ma guardate che se non ve ne siete accorti è anticostituzionale anche la legge di Brunetta. Lì si va a ledere un diritto del lavoratore che si è conquistato con anni di lotta. Parecchie persone che ho sentito sono contente. Dicono che i fannulloni dovevano essere fermati, perchè ci costano un sacco di soldi. Ma io mi chiedo, chi fermerà queste sanguisughe che stanno al governo? Quei personaggi prendono molti più soldi di un povero impiegato statale che oltretutto paga tutte le tasse, e che per andare in pensione deve attendere 40 anni. Al governo dopo 5 anni anni hai diritto alla pensione. Vi sembra giusto. Non dovremo fare anche una legge antifannulloni al governo?
    Tra l’altro la legge di Brunetta non toglie pochi soldi a chi sta male (e in mezzo ai finti malati ci sono anche quelli veri). Nel mio lavoro, mi tolgono ben 27 euro circa per ogni giorno di malattia. Dicono che sono diminuite le persone che sono malate ma non hanno fatto i conti con quante persone si sono prese le ferie al posto delle malattie. E anche se le operazioni e la convalescenza non sono conteggiate, bisogna fare i conti con le malattie fatte prima di fare un’operazione. Non è che uno si sveglia una mattina e dice oggi mi opero. Prima si sente male, poi fa gli accertamenti, e continua a sentirsi male….
    Insomma non so che dire. Sono preoccupata e molto per come si stanno mettendo le cose in Italia.
    (avrei ancora molto da scrivere ma mi fermo qui.)
    Dany

  4. WebmasterMascherato
    giugno 8, 2009 alle 12:34 pm

    beh Dany,
    la barbarie illiberale di cui è portatrice (in)sana questa maggioranza è evidente fin dagli esordi del 1996. Le tue preoccupazioni sono le mie da gran tempo: il peggio è l’assuefazione da obbedienza che ha colto gli italiani, proni a subire qualsiasi cosa per un weekend “alla papi” o per sballi più economici (la partita in tv, il bagaglino il sabato sera e le meretrici defilippiane).

  1. No trackbacks yet.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: